Pirelli ancora in calo

Clima tipicamente estivo in Piazza Affari nella seduta di avvio della settimana di Ferragosto, con gli indici al rialzo ma l’indicatore degli scambi (2,1 miliardi il controvalore) al di sotto dei livelli delle ultime sedute. Il Mibtel ha guadagnato lo 0,62% a 25708 punti, lo S&P/Mib lo 0,64% a 33547 punti e All Stars lo 0,60% a 13477 punti. In evidenza Mediobanca (più 3,8%), sulla scia dei movimenti intorno a Rcs (più 2,9%). Non è invece durata la buona intonazione della Fiat, in declino dello 0,45% a 6,89 euro. In controtendenza la cassaforte di famiglia Ifi (più 0,74%), mentre Ifil ha ceduto lo 0,58%. Ancora sotto pressione le azioni della scuderia Tronchetti Provera. Telecom ha ceduto l’1,02%, Pirelli l’1,44% e la Real Estate lo 0,32%. In recupero i titoli energetici. Grazie ai nuovi rincari del greggio, Eni ha guadagnato l’1,50%, seguita a distanza da Enel (più 0,38%) ed Edison (più 0,16%). Contrastati i titoli bancari. Intesa ha guadagnato lo 0,60%, Unicredit lo 0,39% dopo il via libera della Consob alla quotazione a Francoforte e Varsavia, e Sanpaolo lo 0,75%. Bonaccia sul fronte Antonveneta (meno 0,16%), in lieve calo la Popolare Italiana (meno 0,33%. Infine, ancora fuochi d’artificio per It Holding (più 14,62%).