Pirelli può convertire derivati in Telecom

da Milano

Raddoppia l’utile netto consolidato di Pirelli che nel primo semestre passa a 210 milioni dai 104 milioni dei primi sei mesi del 2004. Al risultato ha contribuito anche la cessione delle attività Cavi e Sistemi. Il numero uno del gruppo Marco Tronchetti Provera si è detto soddisfatto dell’attuale partecipazione che la controllata Olimpia detiene in Telecom Italia (circa il 18%) e ha aggiunto: «Al momento il gruppo guarda i mercati per valutare se esercitare i derivati di cui già dispone su azioni Telecom». Per quanto riguarda il risultato da partecipazioni, comprese le società valutate al patrimonio netto, nel primo semestre è stato positivo per 112 milioni, contro i 33 milioni di un anno prima, dei quali 86 dovuti appunto all’impatto di Olimpia (da 8 milioni). La società milanese ha inoltre archiviato ricavi consolidati pari a 2.281 milioni, in progresso del 13,1%, mentre il margine operativo lordo (Ebitda) è risultato pari a 306 milioni contro i 252 dei primi sei mesi del 2004 e il risultato operativo consolidato (Ebit) ha toccato i 202 milioni, con un incremento del 33%. Per quanto concerne l’intero 2005 - conclude la nota - «i risultati conseguiti nel corso del primo semestre consentono di confermare le attese del gruppo, di un significativo miglioramento dei risultati» complessivi.