Pirelli Re con Pekao sbarca in Polonia e punta sulla Germania

Al via la joint venture. Agli italiani il 75%. Progetti anche in Turchia

Paolo Stefanato

nostro inviato a Varsavia

Nelle stesse ore in cui le delegazioni tecniche italiane e polacche erano riunite per trovare una soluzione al «nodo» della fusione tra Banca Pekao e Bph - i due istituti di proprietà del gruppo Unicredit - ieri a Varsavia veniva presentata ufficialmente Pirelli Pekao Real Estate, la società di sviluppo immobiliare di cui Pirelli Re detiene il 75% e Banca Pekao il 25%. Tecnicamente Pirelli Re ha acquistato la quota maggioritaria della preesistente Pekao development (che ora ha cambiato nome) per un importo di circa 20 milioni di euro.
Significativo è che dal momento dalla firma dei preliminari di febbraio, la società ha già più che raddoppiato il proprio «magazzino» di iniziative da realizzare o in corso di realizzazione, passando da 120mila a 290mila metri quadrati di superficie abitativa, che tradotti in appartamenti significa da 1.600 a 3.500. Sono in corso trattative per acquisire altri 140mila metri. «La società è già in utile - ha detto Carlo Puri Negri, amministratore delegato di Pirelli Re -; oggi la sua produzione è di 600 appartamenti all'anno, nel 2007 contiamo di portarla a 1200». Il mercato immobiliare in Polonia è in forte espansione e tutto il sistema dell'offerta, ha sottolineato Puri Negri, «è in grado di soddisfare solo il 40% della domanda residenziale. I prezzi medi di mercato sono all'incirca di 1.800 euro al metro quadrato. Oggi la società è la terza per dimensioni in questo mercato frammentato (era quinta al momento del nostro ingresso) e senza fatica potrà diventare la prima».
Il modello di business di Pirelli Re viene dunque esportato e replicato nell'Est Europa, «con l'unica differenza che qui, al contrario che in Italia, abbiamo una quota di maggioranza». L'alleanza con Unicredit - che testimonia concretamente che cosa significa «fare sistema» all'estero - è nata con un rapporto di esclusiva, scaduto qualche tempo fa, che ora sarà ridiscusso alla luce del nuovo assetto del gruppo creditizio dopo l'acquisizione della tedesca Hvb, che deteneva a sua volta importanti posizioni all'Est. Questo modello sarà ora esportato in altri Paesi dell'area «a cominciare da Ucraina e Paesi Baltici - ha detto Puri Negri - dove agirà la stessa Pirelli Pekao Real Estate».
È prevista anche l'espansione in Turchia, dove Unicredit è già presente con una joint venture, e dove la domanda immobiliare è influenzata da un'importante componente turistica. «In Turchia contiamo di insediarci entro il 2006» ha dichiarato Puri Negri, che ha indicato per le successive fasi anche Bulgaria e Romania. Entro l'anno sarà inoltre annunciata «un'importante acquisizione in Germania», dove è già operativa un'alleanza per l'edilizia residenziale. Ieri in Borsa il titolo Pirelli Re ha guadagnato l’1,4% a 57 euro.