Pirelli recupera terreno

Scambi vivaci, per 2,7 miliardi di euro, e indici ancora positivi in Piazza Affari, che nella seconda parte della seduta si è ripresa da una mattinata sonnolente. Il Mibtel in chiusura ha segnato un rialzo dello 0,54% a 25846 punti, mentre lo S&P/Mib è cresciuto dello 0,61% a 33753 punti. Più modesto il progresso di All Stars (più 0,26% a 13512 punti). Seduta pirotecnica per Mediobanca (più 4,38%), capofila del patto di sindacato Rcs (più 1,57%, tra scambi pari allo 0,52% del capitale). Rialzi poi per i titoli dei principali componenti del patto parasociale di via Rizzoli. Ha fatto il botto Gemina (più 4,09%), è andata bene anche alla famiglia Pesenti (più 1,42% Italmobiliare) e alla Tod's (più 2,17%) di Della Valle. Denaro infine su Generali (più 1,10%), che ha ripreso fiato nella seconda parte della seduta. Seduta positiva per Unicredit (più 1,83%), che si prepara allo sbarco a Francoforte e a Varsavia. Ancora rialzi per i petroliferi Eni (più 0,72%) ed Erg (più 4,31%). Retromarcia di Enel (meno 0,56%), pronta ormai a cedere il controllo di Wind. Poche le variazioni per Fiat (meno 0,12%), in recupero Telecom (più 1,06%) e Pirelli (più 0,83%). Ennesimo rally di Marzotto (più 7,70%) e di It Holding (più 6,74%).