Pirellone Nuove «regole» per arginare il lavoro nero

Un «protocollo» tra Regione e gli assessori al Lavoro della Provincie lombarde che hanno sottoscritto una collaborazione per prevenire e contrastare il lavoro sommerso e irregolare. «Quello che ci aspetta - ha detto l’assessore all’istruzione Gianni Rossoni - è un serio lavoro di riflessione e di azione rispetto alle zone d'ombra del mercato del lavoro e del sistema delle imprese. Zone d'ombra costituite dall'inosservanza delle regole del gioco e che rappresentano un grave ostacolo alla qualificazione socio-economica di talune aree, settori o filiere, pregiudicando la competitività delle imprese regolari e la qualità e la sicurezza del lavoro delle persone interessate». Il fenomeno è complesso, per cui le misure per arginarlo non sono né semplici né univoche spiegano in Regione. «Inizieremo attivando un Tavolo tecnico, dove tutti i soggetti istituzionali prenderanno in esame i dati elaborati dall'Osservatorio regionale del mercato del lavoro e decideranno dove intervenire e attraverso quali strumenti».