Piromane, è caccia all’uomo dopo il pomeriggio di fuoco

Setacciati quattro quartieri Il modus operandi del raid di venerdì rimanda alla sequela di roghi dell’estate 2005

Continua la caccia ai piromani che nella sola giornata di venerdì hanno dato alle fiamme ben diciannove auto tra i quartieri di Garbatella, Ardeatino, San Paolo e Laurentino. I carabinieri, ieri, hanno setacciato le strade del quadrangolo a sud di Roma alla ricerca di possibili sospetti. Spaventoso il blitz dell’altroieri: l’azione degli incendiari s’è concentrata infatti in appena un paio d’ore, dalle 15 alle 17 del pomeriggio. Fuoco appiccato in punti diversi ma in sequenza, il che potrebbe far pensare alla stessa mano criminale. Ma a quanto pare non ci sarebbero testimoni. Appena i pompieri intervenivano da una parte, nuovi roghi scoppiavano dall’altra. Modus operandi che rimanda ai raid dell’estate 2005, tre mesi di autentica rincorsa di vigili del fuoco e inquirenti a piromani spesso rimasti ignoti. Gli incendi dell’altro giorno sono stati accesi in maniera rapida e chi lo ha fatto è stato in grado di allontanarsi velocemente non lasciando alcuna traccia per il riconoscimento, magari a bordo di uno scooter. Sui luoghi dei roghi, in uno scenario che mai si era visto a Roma in pieno giorno, non sono stati trovati materiali, come taniche, bottiglie o altri contenitori, utilizzate per appiccare le fiamme. Tutti gli elementi raccolti dagli investigatori sono ora al vaglio e continuano ad essere oggetto di analisi.