Piromani in azione: 2 auto a fuoco nella notte

Ancora piromani in azione nella capitale ma non solo. L’altra notte due vetture appartenenti al medesimo proprietario sono andate distrutte alle prime ore dell’alba, intorno alle 6.15. Le auto erano parcheggiate in un cortile condominiale in località Torrenova; sono ancora incerte le cause del rogo. A Rieti una donna, per motivi passionali, è stata arrestata per un presunto incendio doloso. La giovane sembra abbia appiccato il fuoco al motorino di proprietà di un amico per vendicarsi di uno «sgarbo amoroso». Il fuoco, propagandosi, ha distrutto cinque ciclomotori e danneggiato una palazzina in via Aldo Moro. Ancora, qualche giorno fa, a Fidene, in zona Corso Trieste e in pieno centro a Trastevere, hanno preso fuoco quattro moto e tre automobili. Insomma i piromani colpiscono sempre nelle prime ore del mattino o in tarda nottata e la tecnica con cui appiccano il fuoco è spesso molto rudimentale ma rapida e funzionale. Pochi fogli di giornale, un accendino e le macchine bruciano con una rapidità incredibile, spesso coinvolgendo più vetture, i portoni di palazzi antistanti e i cassonetti della spazzatura facilmente infiammabili. «Solo nello scorso anno a Roma e provincia, 1.957 auto sono state distrutte o danneggiate dall’opera notturna dei piromani». Questo è quanto affermato da Piergiorgio Benvenuti, responsabile del dipartimento Sicurezza di An per il Lazio. A rendere vita dura ai piromani ci ha pensato il Cnr - servizio di prevenzione e protezione di Padova - con una tecnica che individua i composti dei prodotti infiammabili. In questo modo è più facile capire se l’incendio è stato provocato da sostanze autocombustibili per attribuirgli l’origine dolosa.