Piroso «taglia» poi parla di lavoro

Prima Giovanna Melandri, poi il segretario in pectore della Cgil Susanna Camusso. Ora però è l’intero Pd a salire sul banco degli imputati per «comportamento antisindacale». E la «trappola» è sempre quella di La7. La segnalazione stavolta è dell’Associazione stampa romana, sindacato dei giornalisti della Capitale, indispettito per le contraddizioni nel Pd. Da una parte «fa un’interrogazione sui licenziamenti a La7» e dall’altra «invita il direttore di quel Tg, Antonello Piroso (nella foto), a moderare un dibattito sui temi del lavoro». Lo stesso che «ha firmato la richiesta aziendale di licenziare un quarto della sua redazione». Niente contro il giornalista, chiaro. Ma il convegno moderato da Piroso, lo dovevano proprio chiamare «Diritti al futuro, Contrasto alla precarietà e tutela dei diritti»?