Pisanu ancora senza incarichi «salta» il voto

Roma. Il tam tam di Radio Senato inizia a battere i tocchi nella notte. E sono tocchi «gravi». Dicono che Marcello Pera e Beppe Pisanu potrebbero uscire dal gruppo di Fi se esclusi dal giro di poltrone delle commissioni di Palazzo Madama. Quando i due, unici del gruppo del Pdl, prendono la parola, l’aula si zittisce ma sia Pera sia Pisanu sostengono il governo. Poi, però, la sorpresa al momento del voto. Pisanu non partecipa. Immediatamente iniziano a circolare «veleni». «Punta all’Antimafia ed ha capito che non la otterrà», dicono i maligni della maggioranza. Insomma, monta un giallo anche se di breve durata. «La mia assenza - spiega Pisanu - è dovuta a un fatto puramente accidentale». E dal suo scranno del Senato annuncia che «ovviamente il mio voto sarebbe stato favorevole» al governo. E chiede «che questa mia dichiarazione venga messa agli atti».