Piscina e area verde nella caserma Gavoglio

Aria di novità al Lagaccio. Dopo decenni di abbandono, finalmente il quartiere sopra Principe si rifarà il trucco a partire dalla messa in sicurezza della strada, per poi passare alla riqualificazione della grande area, (68 mila metri quadrati), occupata dalla caserma Gavoglio. Da circa trent'anni gli abitanti del Lagaccio speravano che l'immensa ex struttura militare diventasse proprietà del Comune per poterla trasformare in un centro di aggregazione con spazi dedicati allo sport, alla cultura, al verde. «Tra una decina di giorni - spiega il sindaco -, verrà firmato un protocollo d'intesa che precede l'accordo di programma nel quale sarà deciso che la caserma verrà messa a disposizione del comune di Genova. È stato un iter lungo e complesso in quanto la Gavoglio è un bene che nel corso del tempo è passato dal Ministero della Difesa al Demanio». Restano ancora da risolvere alcuni problemi: ricollocare due abitanti che vivono all'interno della struttura, e trovare un nuovo sito all'istituto idrografico della Marina. «Era assurdo che la caserma Gavoglio rimanesse uno spazio inutilizzato - spiega l'onorevole Ds Roberta Pinotti, presidente della commissione della difesa -. Il quartiere del Lagaccio ha fame di spazi e ora prenderà il via una sfida importantissima». «È necessario mettere in sicurezza la viabilità in quel quartiere - sottolinea Giuliano Bellezza, presidente di circoscrizione centro est -. Solo dopo aver sistemato la strada, penseremo alla riqualificazione della Gavoglio. Ci sono già alcuni progetti che prevedono la costruzione di una piscina e di un'area verde».