Piscine in città e spiagge è boom in Lombardia

Tutti al mare. A Milano e in Lombardia, che, notoriamente, non si affacciano sul Mediterraneo. Il dato singolare emerge da un’indagine della Camera di Commercio sugli stabilimenti balneari presenti in Italia.
Le attività di questo tipo presenti nella Regione aumentano del 18,3 per cento ogni anno. E Milano è la seconda città lombarda dietro a Brescia con 17 imprese legate a piscine, spiagge e benessere, il 20,2 per cento del totale regionale. Rispetto al 2004 l’aumento è superiore al 30 per cento, con un passaggio da 13 a 17 stabilimenti balneari.
Si tratta di cifre che testimoniano la voglia di vacanza anche per chi resta in città durante il periodo estivo. Piscine e spiagge si rivelano un ottimo surrogato del mare. Solo all’Arco della Pace, dicono le statistiche di Palazzo Marino, dall’inizio dell’estate si sono già superate le 300mila presenze, più del totale dell’intera stagione 2004. Solo nella giornata di Ferragosto gli ingressi alla spiaggia in fondo a corso Sempione hanno sfiorato le 5mila unità, anche grazie alle iniziative organizzate dal Comune.