Pista ciclabile «invasa» dai marciatori cinesi

A San Lorenzo al Mare c'è da alcuni giorni in ritiro l'allenatore più famoso della disciplina della marcia del Bel Paese. È Alessandro Damilano che. assieme al suo gruppo di marciatori, tra i quali la nazionale olimpionica Elisa Rigaudo, ha scelto la pista ciclabile della Riviera dei fiori dove allenarsi due volte al giorno, anziché Saluzzo, quartier generale della nazionale italiana di marcia. È notizia di questi giorni che il celebre Damilano, allenatore dei fratelli Maurizio e Giorgio, in particolare di Maurizio, oro olimpico sulla 50 km ai giochi olimpici di Mosca 1980, ha rescisso il contratto con la Federazione di Atletica ed è stato ingaggiato dalla squadra cinese di marcia, una nazione emergente e sicuramente destinata a fare grandi cose in questa antica disciplina. È questione di poco, quindi, e i marciatori cinesi potrebbero invadere, nel senso buono, la località di San Lorenzo al Mare che diventerebbe la sede privilegiata delle nazionali maschili e femminili della Repubblica popolare cinese, oltre che per i marciatori italiani che seguono ciecamente i consigli di Damilano. Insomma, con molto entusiasmo aspettiamo che dall'oriente arrivino un sacco di atleti che grazie a questa importante opera, ovvero una pista ciclabile «au bord de mer», invidiata da mezza Europa, si possa utilizzare per manifestazioni sportive di un certo livello ed essere il vero volano per il turismo sportivo imperiese. È bene ricordare che i cinesi, oltre ad essere dei bravi sportivi, sono anche ottimi e appassionati fan del gioco d'azzardo e a qualche chilometro da San Lorenzo, c'è Sanremo con il suo casinò... La lunga marcia dei «nipoti» di Mao alla conquista del ponente ligure è iniziata.