Piste ciclabili, asili e nuovi parchi Progetti per una citta più vivibile

Approvato il piano delle opere triennali. Con 70 milioni anche un nido e un’area verde al Ticinello

Otto interventi per una spesa complessiva che supera i 70 milioni di euro. È il piano delle opere pubbliche per il triennio 2007-2009 approvato ieri pomeriggio dal consiglio comunale. Gli interventi saranno concentrati, in particolare, su piste ciclabili, corsie preferenziali, segnaletica stradale, scuole e parchi. I progetti preliminari sono passati al vaglio di Palazzo Marino, i fondi necessari sono stati stanziati.
Si comincia con la segnaletica stradale necessaria per evidenziare le nuove zone soggette alla sosta regolamentata. Il piano prevede la creazione di segnali orizzontali e verticali: la spesa stimata è di quattro milioni di euro. Poi sarà la volta delle piste ciclabili, uno dei biglietti da visita per Expo 2015. Alcuni interventi, infatti, - la spesa prevista è di sette milioni di euro - riguarderanno il miglioramento della rete che collega il polo fieristico di Rho Pero al centro di Milano. Il progetto prevede la costruzione dei tratti mancanti di pista ciclabile con l’obiettivo di collegare le parti già esistenti. In questo modo, nascerà un unico itinerario che dal polo esterno della Fiera raggiungerà la città. Agli appassionati delle due ruote si rivolgono anche gli interventi sulla rete ciclabile di Martesana, Naviglio Grande, Sant’Agostino, corso Lodi e centro. L’obiettivo, anche in questo caso, è ricucire il percorso esistente - che si estende per 78 chilometri - e creare, dunque, maggiore continuità territoriale. Il progetto sarà realizzato in circa 500 giorni e comporterà una spesa complessiva di tre milioni 200mila euro.
«I provvedimenti approvati dal consiglio - commenta l’assessore comunale ai Lavori pubblici Bruno Simini - vanno nella direzione di un miglioramento del trasporto pubblico, della vivibilità e della qualità dell’aria». E infatti, fra gli altri progetti approvati, due riguardano tre linee del trasporto pubblico. Innanzi tutto il filobus 92, per il quale nascerà una corsia preferenziale. Il progetto è diviso in due lotti: il primo, da viale Abruzzi angolo via Piccinni a viale dei Mille angolo corso XXII marzo (2.200 metri); il secondo, da viale dei Mille angolo corso XXII marzo a viale Umbria angolo via Tertulliano (1.400 metri). La somma stanziata è di 23 milioni 900mila euro: servirà anche per modificare piazza Ascoli, piazzale Dateo e piazza Capelli, che da semplici incroci stradali semaforizzati diventeranno spazi in grado di garantire più agevoli manovre di svolta a sinistra. Il tutto entro tre anni e mezzo. Consistenti modifiche sono previste anche per le linee 29 e 30, in zona Porta Genova. Ci vorranno 450 giorni e un investimento di due milioni 575mila euro per ristrutturare viale Gorizia e viale Coni Zugna (all’altezza di piazzale Aquileia). Il progetto prevede il rifacimento dei marciapiedi e di parti della carreggiata, l’installazione di dissuasori di sosta, l’adeguamento dell’impianto di illuminazione pubblica e dei semafori e la riorganizzazione della sosta in via Solari.
Il piano ha in serbo novità anche per le scuole e i parchi. La scuola materna di via Del Volga sarà demolita e ricostruita (la spesa ammonta a un milione 748mila euro), mentre saranno realizzati i primi due lotti del parco agricolo del Ticinello nella zona del Gratosoglio. Infine, sono previsti interventi di manutenzione straordinaria sugli immobili di proprietà del Comune.