A Pistoia Dylan e Harper. Zucchero a Montreux

B.B. King parte il 16 luglio da Mantova. A «Porretta Soul» i Neville Brothers. In Svizzera anche Solomon Burke e Jeff Beck

Antonio Lodetti

da Milano

D’estate anche il blues - ridotto ad una musica per carbonari - tira fuori la testa a suon di Festival. Alcuni durano più di un mese, come Vallemaggia Magic Blues che avrà il suo clou il 27 luglio con Big Bill Morganfield, figlio del mitico Muddy Waters; altri, storici, concentrano tutto in tre giorni puntando su grandi star del rock e relegando i bluesmen in secondo piano. È il caso del Pistoia Blues Festival che apre alla grande venerdì 14 luglio con l’ex Led Zeppelin Robert Plant (sempre più etnico insieme agli Strange Sensation) e con il boogie rock sudista dei Gov’t Mule, prosegue il giorno dopo con messer Bob Dylan e si chiude domenica con i pirotecnici numeri di Ben Harper. Quest’anno il blues in senso stretto, per fan irriducibili, è latitante. Sabato c’è un folksinger di classe come Dirk Hamilton seguito dal cantautore di culto Elliott Murphy (compagno di strada di Tom Petty e Springsteen) che assicurano le emozioni più il nostro Rudy Rotta. Domenica per i puristi c’è il bianco Kent Duchaine, maestro della slide guitar cresciuto alla scuola di Johnny Shines. Sul palco anche il cantautore francese Piers Faccini, bravino ma un po’ fuori luogo. Fuori festival gran calendario a Pistoia con Ivano Fossati il 7 luglio, Capossela con il chitarrista Marc Ribot il 13 e Caetano Veloso il 18.
Porretta Soul Festival è la festa di Natale per gli appassionati del genere. Si parte giovedì 20 luglio a tutto ritmo con un tributo a Wilson Pickett e il giorno dopo cominciano a sfilare i grossi nomi. Venerdì la possente voce di Irma Thomas con i Professional, Bobby Purify, la Boogie Blues Band di Don Chandler con James Govan e ospite Wayne Jackson dei Memphis Horns. Sabato tocca ad Howard Tate e domenica chiusura all’insegna del villaggio globale di New Orleans con il funky soul dei Neville Brothers.
Chi cerca cose più alternative può puntare sull’Etna Blues Festival a Mascalucia, in provincia di Catania, dove troviamo il 20 luglio Mem Shannon e il 21 la fantasia del chitarrista acustico Corey Harris e della cantante texana Marcia Ball.
Chi invece può spostarsi all’estero punti direttamente su Montreux dove, già questa settimana, troverà una parata di stelle. Venerdì c’è l’imbarazzo della scelta tra il re del soul dalla voce tonante Solomon Burke, l’eleganza r’n’b di Ben E. King, le chitarre roventi di Jeff Beck e Jimmy Page e quella sofisticata di Cornell Dupree. Il 3 luglio c’è l’immortale B.B. King (in tour anche in Italia, al via da Mantova il 16), il 9 Taj Mahal e il 10 un po’ di Italia con Zucchero.