Pitt, meningite. Ma è fuori pericolo

da New York

Chissà se è stata una macumba di Jennifer Aniston, la moglie piantata di fresco per la collega, indubbiamente più sexy, Angelina Jolie con cui ha girato Mr. e Mrs. Smith, il film trampolino del flirt più chiacchierato dell’anno. Sta di fatto che il fascinoso Brad Pitt si è beccato la meningite. In forma lieve, assicurano i medici del Cedars-Sinai di Los Angeles, l’ospedale che cura tutti i divi di Hollywood al primo starnuto e che ha già dimesso il quarantunenne attore, tranquillizzando così legioni di ammiratrici in fibrillazione. «Sintomi influenzali» era stata la prima diagnosi, rassicurante, ma bugiarda, o quantomeno troppo diplomatica.
Probabilmente la malattia è stata contratta da Pitt durante un recente viaggio in Etiopia, dove era volato con l’ormai inseparabile Angelina. L’attrice era andata a prelevare in un orfanotrofio locale Zahara, la bambina prenotata, da aggiungere all’altro figlio adottivo Maddox, accolto in famiglia ai tempi del burrascoso matrimonio con Billy Bob Thornton.
La poco loquace Cindy Guagenti, portavoce di Pitt, è rimasta sul vago sulla provenienza della meningite, che può essere trasmessa dalla puntura di una zanzara, precisando comunque ai non addetti ai lavori che il tipo virale, se preso in forma lieve, guarisce in un batter d’occhi, meglio se cerulei, a differenza di quella batterica, che può provocare danni cerebrali gravi e, nei casi estremi, anche la morte.
Quando si dice le coincidenze: la settimana scorsa, anche la divorzianda Mrs. Aniston non più in Pitt o quasi, era stata ricoverata per sintomi analoghi, forte mal di testa, particolare sensibilità al rumore e alla luce, vomito e un leggero stato confusionale. Fortunatamente la diagnosi in questo caso era stata molto più benigna: un semplice colpo di calore che avrebbe colpito l’attrice durante le riprese del suo nuovo film Break Up. Non si può nemmeno parlare di invidia o smania di emulazione, se è vero che la malattia della Aniston ha preceduto quella dell’irresistibile coniuge.
La probabile rabbia della bionda Jennifer, che a Hollywood inalbera un naso secondo per stazza alla sola Barbra Streisand, sarà diventata irrefrenabile ira nell’apprendere che la sua rivale, più giovane e attraente, dal viaggio in Africa non ha riportato nemmeno un raffreddore.