A Pitti sfilano per Ferretti solo donne «impegnate»

Alberta Ferretti, signora dello stile italiano apprezzata in tutto il mondo ha svelato ieri i dettagli del grande evento che la vedrà protagonista il prossimo 11 gennaio a Firenze, in apertura della 79esima edizione di Pitti Uomo. La maestra di poetiche variazioni intorno allo chiffon presenterà, infatti, nella chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponte, i trenta modelli di una limited edition creata per l'occasione e indossati da altrettante protagoniste della nostra società, donne legate a importanti progetti umanitari ma anche attrici, celebri modelle, atlete, professioniste.
«Firenze, considerata da sempre la culla della moda italiana, è il luogo ideale per rappresentare un universo femminile sfaccettato, composto da persone che mostrano sempre di più il loro impegno nella società», ha dichiarato la Ferretti spiegando che manderà in passerella donne di ogni età, dai 16 fino ai 75, quelli portati meravigliosamente bene dalla storica modella americana Carmen Dell'Orefice. Ci saranno tra le altre, le attrici Marisa Berenson - una leggenda - Giorgie Henley protagonista del film Le cronache di Narnia, Ines Sastre, Nicole Grimaudo, Violante Placido, Sarah Felberbaum, top model come Marpessa e Eva Riccobono, la medaglia d'oro di scherma Natalie Moellhausen, la ballerina solista del corpo di ballo della Scala Beatrice Carbone, la blogger Chiara Ferragni, le socialite Matilde Borromeo e Virginia Valsecchi. E anche una giovane ricercatrice per il progresso delle Scienze, una psicologa, una docente di diritto di famiglia specializzata in problemi relativi agli abusi domestici e l'avvocato Anna Galizia Danovi esperta di diritto di famiglia.
La colonna sonora la canterà, con un medley dal vivo creato ad hoc, Elisa. L'ospite più ambita - la sua partecipazione non è ancora confermata - è la regina Rania di Giordania che attraverso la Jordan River Foundation sta costruendo un ponte culturale fra Oriente e Occidente. Per questa eccezionale occasione, Alberta Ferretti ha fatto una donazione personale alla fondazione alla quale andranno anche i cachet delle modelle e dei personaggi che hanno accettato di sfilare. La collezione che sarà venduta nei negozi top con l'etichetta "Alberta Ferretti Special Edition", declina in modo moderno il tema della cerimonia. "Una demi couture per vestire i momenti speciali della nostra vita" ha aggiunto la stilista di Cattolica annunciando che questa linea verrà riproposta di anno in anno con l'obiettivo di rendere omaggio a quelle donne che sono portatrici di un'idea di eleganza non solo estetica.