Pivetti: finalmente sexy insegno e indago per hobby

Da domani l’attrice è la protagonista di «Provaci ancora prof», quattro puntate per un prodotto giallo-rosa

da Roma

Cosa succede all’appassionato di gialli quando, davanti alla tv, segue avvinto dal mistero l’intreccio dell’azione? «Vorrebbe essere al posto dell’investigatore. Dire la sua: suggerirgli la soluzione, addirittura fargli il nome dell’assassino». Ecco: fate conto che nell’interminabile elenco degli investigatori dilettanti della tv - casalinghe, vecchie zie, nonnine e preti che s’incaricano di fare le veci del teleutente, pretendendo di sostituirsi, almeno nelle fiction, agli investigatori autentici - si sia aggiunta un’altra «detective in pantofole». La professoressa Camilla Baudino. Alias Veronica Pivetti. Alias Provaci ancora prof: titolo del nuovo giallo-rosa targato Rai che, in onda domani e lunedì su Raiuno, «prosegue nella nuova linea editoriale della nostra fiction - spiega il responsabile Agostino Saccà -. E cioè, pur mantenendo un pubblico tradizionalmente maturo, attrarne anche uno più giovane».
Il modello è più che sperimentato. Prendete dei discreti soggetti gialli (tratti dai romanzi di Margherita Oggero, autrice anche de La collega tatuata, fonte per un film dell’anno scorso con Luciana Littizzetto, Se devo essere sincera), una protagonista simpatica e affidabile, ma assolutamente comune («La professoressa che avremmo voluto voluto tutti - ammette la Pivetti - e che invece è così rara»), una serie di accattivanti comprimari (il dolce maritino paziente, una figlia che naturalmente è un tesoro, un commissario di polizia più belloccio che capace), affidate il tutto a una regista specializzata in commediole tanto rosa quanto scioccherelle (Rossella Izzo) e assegnate la parte da protagonista a Veronica Pivetti, caratterista dalle quotazioni in ascesa.
Ecco servito Provaci ancora prof: quattro episodi (ma se ne prevedono già altre sei) in cui una curiosa quarantenne, di professione insegnante liceale, si trova sistematicamente inguaiata in crimini che, con intuito femminile e umano buon senso, ogni volta aiuterà a sbrogliare. «Credo che la mia Camilla assomigli a tante persone qualsiasi, che davanti a un insolubile mistero della cronaca sono convinte d’avere la soluzione in tasca - osserva divertita la Pivetti -. Camilla è una donna tenace, curiosa, battagliera, spiritosa. Tutti i giorni costretta a vedersela, oltre che con misteri e delitti, con i problemi della famiglia e con quelli del mestiere, a contatto con la categoria umana più ostica che esista, gli adolescenti. Insomma: rappresentarla m’ha divertito molto».
Anche perché, nei tratti essenziali del personaggio, ce n’è uno che la simpatica attrice ha fin qui assolutamente trascurato... «La sensualità. Ebbene sì: è la prima volta che un regista mi chiede d’essere anche sexy. Sessualmente parlando, di solito, sullo schermo io risulto un ectoplasma. Stavolta, invece, ne vedrete delle belle». Interpretato anche da Enzo De Caro, Paolo Conticini e Ilaria Occhini, nelle due prime puntate Provaci ancora prof dovrà vedersela con la Callas di Canale 5. «Con chi?» chiede (scaramanticamente) la Pivetti. E intanto incrocia le dita.