Pizarro, un altro rinvio. E Diarra mette fretta

Qualcosa si muove sul fronte cessioni: il difensore Comotto (28 anni) in prestito al Torino

Doveva essere il giorno di David Pizarro in giallorosso. Invece, il tanto atteso annuncio da parte della Roma non c’è stato. Questione di ore, si continua a dire, ma pare che non sia stato trovato l’accordo. O meglio, l’intesa tra Inter e Roma ci sarebbe pure, mancherebbe quella tra il centrocampista cileno e la nuova squadra. I tifosi e mister Luciano Spalletti aspettano con ansia che si chiuda questa cruciale trattativa. Il giocatore, snobbato da Mancini, aumenterebbe di molto il tasso tecnico del centrocampo romanista. Anche perché l’alternativa scalpita. Già, il procuratore di Alou Diarra, stufo di aspettare il trasferimento del suo assistito, mette pressione alla Roma. «La società deve scegliere: o lui o Pizarro. Restiamo in attesa di notizie e ci organizzeremo in funzione di questo».
Ma torniamo alla trattativa tra la Roma e Pizarro, il vero pallino di Spalletti, che a questo punto potrebbe aver già deciso di abbandonare la pista del francese. Il ds Pradè in questi giorni è stato continuamente in contatto con la dirigenza interista. Le due società potrebbero raggiungere l’accordo per la comproprietà del cileno che ha già dato parere positivo. Pradè poi dovrà trattare con il procuratore di Pizarro per trovare l’accordo sull’ingaggio. Al momento il giocatore percepisce circa 2 milioni e mezzo di euro dall’Inter e, a quanto dichiarato proprio dal suo manager Hidalgo, non sarebbe disposto a scendere. Un problema in più per la Roma che, se dovesse accettare le condizioni del cileno, metterebbe in crisi il delicato sistema del tetto agli ingaggi. Un tetto superato solamente da Francesco Totti
La società intanto ha reso noto che domani sera alle 21 giocherà un’amichevole contro il Real Saragozza a Rieti. E resta qualche remota speranza che in quell’occasione la società possa presentare l’eventuale nuovo arrivato.
Infine torniamo al mercato, ma alla voce partenze. Il Torino ha prezo in prestito il difensore Gianluca Comotto, 28 anni a ottobre, da pochi mesi alla corte di Spalletti. Il calciatore ha al suo attivo 117 presenze in serie A e 7 reti. Comotto ha già giocato in maglia granata dal 2001 al 2003 e nella stagione 2004-2005, terminata con la promozione in A, ma anche col fallimento della gestione del patron Cimminelli. Nell’ultima stagione, con la maglia dell’Ascoli, ha collezionato 31 presenze e 2 reti.