Pizarro come Eta Beta Stankovic creativo

INTER
6 JULIO CESAR. Salva di piede su Choutos, poi soltanto creme rilassanti.
6.5 J. ZANETTI. Quando la gente cerca nemici, affidati a lui per risvegliare quello che c’è nel cuore di una squadra.
6 CORDOBA. Dolce vita per un lottatore che se la gode (dal 28’ st Andreolli 6. Sfiora il golletto, sfiora la frusta per una leziosità in area).
6 SAMUEL. Inizia sentendo i gomiti di Bianchi, ma poi il lucchetto scatta.
6 FAVALLI. Capro espiatorio per questa storia del futuro con il Milan, se la prendono con lui perché l’Inter non gli rinnova il contratto e non ci vengano a parlare di tradimento per un veterano che ne ha viste di ogni tipo (dal 20’ st Solari 6. Crea per il quarto gol, averne di cambi con una testa così).
6.5 STANKOVIC. Vitale, creativo, sempre pericoloso, sempre cacciatore (dal 36’ st Figo s.v.).
6.5 PIZARRO. Parte che sembra Eta Beta, una palla una costruzione di gioco che spalanca porte, finestre, poi quando chi è senza palla lo guarda e non corre più, fa fatica.
6 C. ZANETTI. Non era un tipo di battaglia dove potevi notarlo, ha fatto la guardia al bidone.
6 CESAR. Grande avvio, poi qualche bolla d’aria nel motore.
6.5 CRUZ. Guanti da chirurgo, nessuna esagerazione, arriva al 13° gol e almeno lui non sembra triste.
5.5 MARTINS. Sbaglia troppo, è sgonfio, testardo, segna perché proprio non ne può fare a meno.
All. MANCINI 6. Si gode un giorno di quiete e non pensa al serpentario brasileiro.
REGGINA
6 PELIZZOLI. Dove può è bravo, sui gol è solo.
5 LANZARO. Dalla sua parte passa il fiume Cesar.
5 DE ROSA. Ha preso in faccia tutte le porte del treno interista (dal 23’ st Castiglia s.v.).
5 FRANCESCHINI. Anche per lui il vento è troppo forte.
6 MESTO. Parte con un bel traversone, parte deciso, poi pecca.
6 BIONDINI. Generoso in un centrocampo inventato.
5 CAROBBIO. Fare l’uomo di scorta costa e si paga. (dal 26’ pt Giosa 6. Per lui, a partita chiusa, tutto più facile).
5.5 MODESTO. Non lo senti, non lo vedi.
5.5 VIGIANI. Poca vitalità, poco tempo per capire cosa succedeva.
6 CHOUTOS. Una bella iniziativa in partenza, poi addio (dal 37’ st Missiroli s.v.).
6 BIANCHI. Parte bene, si batte, ma vede tre palloni in tutto.
All. MAZZARRI 5. Se pensi al Messina e non all’Inter è il minimo che ti può capitare.
6 ARBITRO RIZZOLI. Sul filo del rasoio, ma se la cava.