Pizzighettone ferma Genoa

da Cremona

Si ripete la storia del gigante Golia fermato dal piccolo Davide. Il Pizzighettone, squadra che rappresenta un paese di 6.400 abitanti, è riuscito nell'impresa di fermare il lanciato e attrezzatissimo Genoa sul pareggio. È stata una gran bella partita, giocata davanti a 4.500 genoani accorsi allo stadio Zini di Cremona, prestato dalla Cremonese al Pizzighettone per ragioni di ordine pubblico.
Alla fine la gara si è chiusa con uno spettacolare 3-3, con Quadri assoluto protagonista, autore di una tripletta per i lombardi. Non sono mancate davvero le emozioni, in una altalena di gol, validi e annullati e su rigori che hanno suscitato perplessità. Dopo il vantaggio della piccola squadra lombarda su punizione di Quadri, il pareggio del Genoa è arrivato grazie a un tap-in vincente di Tedesco. I liguri hanno insistito trovando il vantaggio su calcio di punizione di Greco.
Nella ripresa il Pizzighettone ha messo alle corde il vecchio Grifone e ha raccolto il pareggio ancora con Quadri. È trascorso giusto un minuto e un rigore realizzato da Stellini ha riportato i rossoblù avanti 3-2 con la rete del 4-2, di Iliev, annullata per fuorigioco. Toccava poi al Pizzighettone vedersi annullare una segnatura, di Coralli, sempre per offside. Il pari, quello definitivo, arriva su rigore (dubbio, come quello a favore degli ospiti), sempre con Quadri.