Pizzini L’ultima di Ciancimino junior «Contatti tra Dell’Utri e Provenzano»

Il famoso «senatore» cui il boss Bernardo Provenzano avrebbe fatto riferimento in uno dei pizzini inviati all’ex sindaco di Palermo, Vito Ciancimino, sarebbe Marcello Dell’Utri. Lo avrebbe rivelato ieri, al termine di un interrogatorio durato 4 ore, il figlio dell’ex primo cittadino, Massimo, ascoltato dai magistrati della Procura di Caltanissetta che indagano sulle stragi del ’92 e in subordine sulla famosa «trattativa» fra Stato e Antistato mafioso. Ciancimino junior avrebbe fatto il nome di Dell’Utri in riferimento a uno dei 4 messaggi in cui l’ex capo di Cosa nostra cita espressamente un parlamentare-senatore per una vicenda per la quale «abbiamo parlato con il nostro amico senatore e sono tutti d’accordo». Secondo le indiscrezioni trapelate dagli uffici giudiziari nisseni si farebbe riferimento a una sorta di amnistia per i detenuti o, in subordine, a una rivisitazione, in chiave più morbida, del 41 bis (il carcere duro per i mafiosi).