Il pizzino di Letta a Monti:"Bersani vorrebbe interagiresulla scelta dei viceministri"

Immortalato nelle mani del premier un bliglietto a firma Enrico (Letta): "Bersani mi chiede di interagire sulla questione dei vice". Entro lunedì Monti stilerà la lista dei viceministri

"Mario, quando vuoi dimmi forme e modi con cui posso esserti utile dall'esterno". Un foglio - carta intestata della Camera dei Deputati - nella mano sinistra del neo premier Mario Monti rimane immortalato in uno scatto dei fotografi presenti a Montecitorio per il voto di fiducia sul governo tecnico. Mentre prende un appunto sulle dichiarazioni di voto in corso, l'economista lo volta dalla parte scritta di pugno. L'inchiostro blu è netto. Anche le parole di quello che, più che un augurio di buon lavoro, sembra un vero e proprio pizzino. Il primo "pizzino" dell'era Monti. Ed è firmato da Enrico (Letta).

Per tutta la mattinata l'Aula di Montecitorio è stata calcata da un continuo via vai di deputati che si sono recati in pellegrinaggio ai banchi del governo per i saluti e le presentazioni di rito, mentre va avanti il dibattito. Al centro degli scranni riservati all’esecutivo il presidente del Consiglio: Monti ascolta e prende appunti, come fanno molti ministri che seguono gli interventi. Si susseguono le strette di mano e le presentazioni. Il più "richiesto" è senza dubbio Pietro Giarda che, in qualità di titolare del dicastero per i Rapporti col parlamento, sarà l’anello di congiunzione tra il legislativo e l’esecutivo. Ma, tra i banchi della sinistra, c'è qualcuno che punta solo al premier che, entro lunedì prossimo, dovrà stendere la lista dei viceministri. Una lista che, dicono i boatos, potrebbe non essere costellata unicamente da tecnici. Da qui l'idea del pizzino che, questa mattina, è arrivato sul banco di Monti.

Una semplice auto candidatura a viceministro? O solo una semplice garanzia di appoggio al governo? Oppure un pizzino che unisce entrambi i suggerimenti? Il contenuto del biglietto, firmato da un certo "Enrico", è insindacabile: "Mario, quando vuoi dimmi forme e modi con cui posso esserti utile dall'esterno. Sia ufficialmente (Bersani mi chiede per es. di interagire sulla questione dei vice) sia riservatamente. Per ora mi sembra tutto un miracolo! E allora i miracoli esistono!". Fimato, appunto: "Enrico". Purtroppo non si legge il post scriptum. L'indice, il medio e l'anulare della mano sinistra di Monti coprono intereamente le ultime tre righe del PS. Chi sara mai questo Enrico mandato dal leader del Pd Pierluigi Bersani a "interagire sulla questione dei vice"? Tra i banchi del Partito democratico siedono ben tre "Enrico": Farinone, Gasbarra e Letta. Quello stesso Enrico Letta che Bersani voleva a tutti i costi nei panni di vicepremier. Quello stesso Enrico Letta che non è diventato vicepremier pur di non dover appoggiare anche lo zio Gianni, per Bersani troppo vicino al premier uscente Silvio Berlusconi. Quello stesso Enrico Letta che, dopo essere stato scoperto, ha rivelato al Corriere della Sera: "Sì il biglietto è mio, ma non è auto candidatura, solo un'apertura al governo come indicato dal segretario Bersani". Quello stesso Enrico Letta che in serata scherza sul suo profilo Facebook: "Un'ottima giornata per l'Italia, un po' meno per me. Aiuto! Oltretutto sono da stamani oggetto di un numero crescente di telefonate di aspiranti viceministri. Mai più letterine in vita mia".