The Place Concato incontra i Rossoantico

Fabio Concato come non l’avete mai ascoltato. Stasera e domani il cantautore sarà al The Place, accompagnato da una band d’eccezione: i Rossoantico, raffinata orchestra voluta dal direttore artistico del locale, Antonio Pascuzzo. In scaletta tutti i successi di Concato, rivisitati in modo originale e certamente inedito dalla resident band del club di via Alberico II. Il concerto fa parte della rassegna «Roma di Amilcare», organizzata dal Club Tenco e dedicata al fondatore Amilcare Rambaldi. Concato è uno dei pochi cantanti italiani legati al jazz, per la sua caratteristica armonia musicale. A sentire lo staff del The Place, il concerto che lo accomuna ai Rossoantico non sarà un esperimento isolato. In attesa di scoprire chi sarà il prossimo artista «trattato», sarà gustoso vedere la band alle prese con la produzione del cantautore milanese. Chissà che non sia proprio lui il primo a sorprendersi e a scoprire nuove sfumature delle sue canzoni. Quel che è certo è che Guido piano, Fiore di maggio, Rosalina e le altre assumeranno colori ricchi e inediti. Indubbiamente i Rossoantico sono garanzia di qualità, concentrato di musicisti raffinati e talentuosi. Nei loro concerti affrontano un repertorio molto ampio, tra brani originali e classici della canzone d’autore. Hanno «occupato» il club romano facendolo diventare laboratorio, officina e comunità. La band ha ottenuto un buon successo radiofonico con il recente singolo Gioia e sta lavorando all’arrangiamento del primo album. A proposito del concerto con Concato, i Rossoantico hanno parlato di «lavoro inebriante e impegnativo». Il gruppo è formato da Antonio Pascuzzo (chitarra e voce), Adriana Ester Gallo (violino), Francesco Accardo e Riccardo Corso (chitarra), Marco Monaco (batteria), Puccio Panettieri (batteria e percussioni), Mario Dovinola (pianoforte), Michele Ranieri (fisarmonica, cavaquino, armonica e voce), Patrizio Sacco (contrabbasso), Pericle Odierna e Peppe Russo (fiati).