Placido e la sconosciuta Keanu Reeves cartoon

Patrizia Rappazzo

Rivoluzione tecnologica con A scanner darkly, il film diretto da Richard Linklater e tratto da uno dei romanzi più complessi e inquietanti, imperniato su droghe e tossicodipendenze, di Philip K. Dick. Realizzato con attori in carne ed ossa che diventano cartoon (Keanu Reeves, Robert Downey jr, Woody Harrelson, Winona Ryder). A scanner darkly è stato girato con uno stile visivo psichedelico (la tecnica è quella del motion capture e dell'interpolated rotoscoping, già sperimentata da Linklater in Walking life, consiste nel ridisegnare le scene, una ad una), e rappresenta l'ennesimo omaggio che Hollywood rende ad uno dei più visionari e profetici scrittori, morto nel 1982 poco prima dell'uscita di Blade Runner. Ambientato a Orange County, Los Angeles, il film racconta la storia di un agente dell'antinarcotici che deve indagare su una nuova potentissima droga chiamata Sostanza D, che sta dilagando nella società.
A più di dieci anni da Una pura formalità, il premio Oscar Giuseppe Tornatore torna al noir, raccontando «il mistero della vita emotiva di un'enigmatica signora, in una favola nera dei nostri tempi». La Sconosciuta, girato quasi interamente a Trieste, presentato al nuovo Festival di Roma, è un progetto che risale al 1987 ed è stato realizzato con un budget da otto milioni di euro e un cast di primo piano: Michele Placido, Claudia Gerini, Alessandro Haber, Margherita Buy, Piera Degli Esposti e Pierfrancesco Favino. Il film, musicato da Ennio Morricone, narra la storia di una ragazza dell'Est (Xenia Rappaport) che dopo aver vissuto alcuni anni nel Sud Italia si sposta in una cittadina del Nord in cerca di lavoro, portandosi dietro una serie di sconcertanti misteri.
Grande attesa per L'imbroglio, anteprima al Festival di Roma, diretto da Lasse Hallstrom e interpretato da Richard Gere, Julie Delpy, Hope Davis e Marcia Gay Harden: al centro la vita di Clifford Irvine, uno scrittore frustrato e deluso fino al giorno in cui si inventa, convincendo tutti, compreso se stesso, d'aver ricevuto l'incarico di scrivere la prima, sola e vera biografia autorizzata di Howard Hughes, icona prebellica del cinema e dell'aeronautica. Purtroppo sarà scoperto e condannato a due anni e mezzo di carcere.
Tratto dal libro Diane Arbus - Una biografia di Patricia Bosworth, in sala Fur, un ritratto immaginario di Diane Arbus, diretto da Steven Shainberg e interpretato, tra gli altri, da Nicole Kidman e Robert Downey Jr. Il film è una rivisitazione, fra biografia ed immaginazione, della vita della scandalosa e ribelle fotografa americana Diane Arbus, icona della fotografia moderna che fotografò un mondo popolato da nani, travestiti, homeless e malati mentali.
In uscita anche Down in The Valley con la regia di David Jacobson con Edward Norton, nei panni di cowboy ossessionato dalla teenager Tobe (Evan Rachel Wood).