In platea il cane che gli rovinò le scarpe

nostro inviato a Orvieto

Al seminario di Orvieto ha partecipato pure lui, il bassottino di Alfredo Reichlin che era passato alla storia per aver morso le scarpe di Massimo D’Alema. Il suo nome è Rino, ha 7 anni e ieri ha seguito dalla saletta riservata al pubblico tutto il seminario. Al suo fianco la signora Roberta, moglie di Reichlin, il dirigente diessino che ridendo conferma: «Sì, Rino non si perde una battuta. Ed è anche vero che la storia delle scarpe di D’Alema da un milione di lire nacque perché a Rino piace srotolare e tirare le stringhe. Così fece con D’Alema». E ora? Altra risata: «Beh, adesso, cercano tutti di venire a casa nostra con i mocassini».