La Playstation scarica Sony in Borsa

Dal 1994 sono state vendute 200 milioni di Playstation e oltre 1 miliardo di giochi

Maddalena Camera

da Milano

La notizia era nell’aria ma ieri c’è stata la conferma ufficiale. Il colosso dell’elettronica di consumo nipponico Sony ha rimandato di circa sei mesi il lancio dell’attesa Playstation 3. «Per ragioni tecniche - ha spiegato Ken Kutaragi, il papà del notissimo sistema di gioco che ha già venduto 200 milioni di pezzi - il lancio della nuova Playstation è rimandato al 3 novembre». La buona notizia è che questa volta l’Europa e dunque anche i videogiocatori italiani non dovranno attendere. Il lancio della Ps3 infatti sarà globale: il prodotto sarà infatti messo in vendita non soltanto in Giappone o in Nord America ma anche nel Vecchio continente. L’annuncio del ritardo ha provocato una flessione del titolo Sony alla Borsa di Tokyo dell’1,80%. Ma come mai la tanto attesa Ps3, il cui lancio era previsto a marzo, non è ancora pronta per il mercato? La spiegazione ufficiale starebbe in alcuni problemi insorti nell'elaborazione dei dettagli finali sulle tecnologie di protezione del format del Dvd ad alta definizione Blu-ray e difficoltà nell'elaborazione della connessione multimediale ad alta definizione di nuova generazione.
«Il prodotto deve essere perfetto - ha spiegato Kutaragi - perché gli obiettivi sono molto ambiziosi: un milione di console prodotte al mese e sei milioni di unità vendute all'anno». Il successo della nuova console è indispensabile per Sony da tempo in crisi che dall’anno scorso è guidata da un manager Usa, Howard Stringer, e che ha annunciato un piano di licenziamenti per 10mila dipendenti. Il colosso nipponico che ha inventato la tv a colori con il Trinitron e la musica da passeggio con il leggendario Walkman, è stata infatti superata in questi settori da agguerriti concorrenti come Samsung (nelle tv a schermo piatto) e Apple (con il suo iPod).
Solo nei videogiochi la leadership è rimasta intatta. La Playstation «inventata» nel 1994 ha venduto 200 milioni di pezzi, tra Ps1 e Ps2, e circa un miliardo di videogiochi solo per quest’ultima. La quota di mercato, nonostante la concorrenza di Microsoft, che per il lancio della sua Xbox, già arrivata alla terza versione, ha speso più di 10 miliardi di dollari, è del 70%.
La Ps3 promette performance di altissima qualità. Ma tanta tecnologia, soprattutto il lettore Blue Ray, un sistema laser blu che moltiplica per cinque la capacità di immagazzinamento dati di un dvd, costa. Secondo Merrill Lynch le nuove console costerebbero a Sony tra gli 800 e i 900 dollari mentre il prezzo di vendita sarebbe tra i 500 e i 600. Non c’è dubbio però che aspettando sei mesi anche i prezzi dei componenti come il superchip «Cell» che rende la Ps3 250 volte più veloce della Ps2, siano destinati a scendere. Quindi alla fine il ritardo potrebbe anche dimostrarsi provvidenziale. Il colosso giapponese non nasconde però le preoccupazioni e ha deciso di arricchire le funzioni della sua PlayStation portatile (Psp). La nuova Psp sarà un po’ più cara ma avrà una microcamera e un navigatore Gps incorporati.