Plinio: «Luigi Ferraro tra i genovesi illustri»

Nel sesto anniversario della scomparsa di Luigi Ferraro, Medaglia d’oro al Valor Militare, Gianni Plinio rinnova al sindaco Vincenzi la richiesta di tumularne la salma nel Pantheon dei genovesi a Staglieno, «come è stato fatto per l’ex sindaco Cerofolini e tanti altri cittadini illustri. È giusto e doveroso rendere questo onore a Ferraro, grande genovese e grande Italiano - dichiara il responsabile Pdl per la Sicurezza -. Ferraro ha reso onore a Genova sia da eroe della Marina Militare nel secondo conflitto mondiale, sia in tempo di pace come imprenditore della subacquea. A lui si devono innovazioni apprezzate in tutto il mondo. Alla sua scuola si sono formate intere generazioni di Vigili del Fuoco, dei Carabinieri e della Polizia di Stato».
Nel ricordare che domani mattina, nella cripta del Monumento ai Caduti in piazza della Vittoria, si terrà una messa di suffragio, Plinio aggiunge: «Ferraro è una figura esemplare soprattutto per le giovani generazioni. Essendo scomparso il 5 di gennaio del 2006 non necessiterebbe neppure di alcuna deroga alla normativa che prevede cinque anni di attesa prima della tumulazione nel Pantheon. Voglio sperare che la Sindaco Vincenzi accolga questa richiesta e Ferraro, che oggi riposa nel cimitero di Trieste, possa essere tumulato ove gli compete a Genova e cioè nella sua Città».