Plinio: «Un referendum dica se Genova vuole la struttura»

Un referendum consultivo per permettere ai cittadini di decidere sulla realizzazione di una moschea in città è stata proposta al sindaco di Genova Marta Vincenzi dal capogruppo regionale di An Gianni Plinio. «Prima di decidere sarebbe corretto ascoltare tutti i cittadini attraverso una consultazione referendaria», ha detto Plinio invitando il sindaco «a dare vita, insieme, ad un comitato referendario bipartisan e pluralista che includa anche membri della comunità islamica genovese».
«Chiedere un referendum non significa essere pro o contro la moschea - ha continuato-, ma esclusivamente consentire ai genovesi di potersi liberamente esprimere attraverso uno strumento democratico». «In analoghe situazioni - conclude l’esponente di An - si è ricorso al referendum consultivo che è esplicitamente previsto sia dallo statuto del Comune sia da quello della Regione».
Intanto a Cornigliano, il comitato per la vivibilità è nuovamente sul piede di guerra: «Stiamo seguendo la situazione e siamo pronti a tornare in piazza per dimostrare che il quartiere non vuole questa struttura».