Il Pm 10 è alle stelle L’assessore Maran: «Usate meno l’auto»

Pm10 sopra il livello di attenzione da cinque giorni. Le centraline dell’Arpa di via Pascal Città Studi, Senato e al Verziere hanno rilevato da venerdì scorso concentrazioni di polveri sottili superiori alla media di 50 milligrammi per metro cubo e livelli di biossido di azoto sopra la soglia di attenzione e in alcuni casi, come giovedì 22 in viale Liguria e in viale Marche, prossime alla soglia di allarme. «Stiamo vivendo un fine settembre anomalo – spiega l’assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran – con condizioni meteo sfavorevoli alla dispersione delle concentrazioni di polveri sottili». Invita i milanesi «a limitare il più possibile gli spostamenti con l’auto» e ad «usare il mezzo pubblico. Le previsioni meteo, che danno bel tempo e alta pressione anche per i prossimi giorni non sono positive per il Pm10». Se si dovessero raggiungere i dodici giorni consecutivi di sforamento il Comune applicherà i provvedimenti d’emergenza previsti dall’ordinanza dell’ex sindaco Letizia Moratti, che prevede tra gli altri il divieto di circolazione da lunedì a domenica dei veicoli a benzina Euro 0, diesel Euro 0, 1 e 2 senza filtro, moto e ciclomotori a due tempi, Euro 1 ed anche Euro 0 ed Euro 1 a gasolio, il blocco totale del traffico nelle domeniche e nelle giornate festive successive ai dodici giorni di superamento dei livelli. Ieri intanto sono proseguiti i tavoli sulla trasformazione di Ecopass in congestioncharge. Maran e l’assessore al Commercio D’Alfonso hanno discusso con il presidente di Assimpredil Claudio De Albertis di 5 progetti per rendere più ecologici e sicuri i cantieri in centro: per Ecopass chiede l’esenzione per i cantieri in centro o almeno un forfait annuale «a cantiere» e non legato ai singoli mezzi. Propone un «accordo vetrofanie» per installare sugli autocarri con contributo del Comune appositi filtri e rendere immediatamente identificabili quelli a bassa emissione.