Il Pm alla Corte: «Sentitevi un po’ genitori di Metz»

«Mi auguro che nel decidere vi sentiate un po' genitori di Meredith Kercher, una ragazza seria e discreta alla quale Amanda e Raffaele hanno impedito di vivere». Si è rivolto così ai giudici della corte d'Assise e d'Appello di Perugia il sostituto procuratore generale Giancarlo Costagliola nella sua requisitoria al processo di secondo grado contro la Knox e Sollecito (entrambi presenti in aula), condannati in primo grado per l'omIcidio di «Metz».