Il pm vuole processare i genitori della bimba

Fu strangolata appena nata. Ne è convinta il pm di Roma Assunta Cocomello che, al termine dell’inchiesta, ha chiesto il rinvio a giudizio dei genitori di una neonata che giunse senza vita nel marzo scorso all’ospedale romano Sant’Eugenio.
Diverse le contestazioni fatte nei confronti dei genitori: alla madre della piccola, Sherifa C., di 33 anni, il pm contesta il reato più grave di omicidio premeditato mentre al marito, Dzevdet S., di 33 anni, il reato di omicidio da omissione di soccorso per non aver portato in ospedale la neonata in tempo utile per salvarla.