Pm10, valori in calo. E oggi torna il freddo

Accorgimenti di Regione e Comune per combattere lo smog. Formigoni: «Cittadini e istituzioni devono collaborare». Mercoledì un vertice sulle targhe alterne

(...) Insomma, la parola d’ordine per combattere l’inquinamento è collaborazione. Fra cittadini e istituzioni, perché «bisogna lavorare insieme, affrontando piccoli sacrifici, senza maledire il blocco delle auto», per dirla con Formigoni (ieri in bicicletta per una «missione» anti-smog, insieme al campione Gimondi e ai «suoi» assessori all’Utilità pubblica e all’Ambiente, Maurizio Bernardo e Domenico Zambetti). È per questo che il governatore ha già fissato per mercoledì un incontro con sindaci, presidenti di provincia e rappresentanti di categoria: per parlare e per ribadire «che ci dovrà essere un massiccio consenso per decidere l’introduzione delle targhe alterne». E il sindaco Gabriele Albertini, che l’altro giorno si è detto contrario al provvedimento? «Cercherò di convincerlo».
Ma la battaglia contro il Pm10 deve coinvolgere anche le case e gli uffici. Prima regola: abbassare di uno o due gradi la temperatura dei termosifoni, perché, spiega sempre Formigoni, già questo piccolo accorgimento «incide in maniera molto importante sul calo degli inquinanti». Da oggi via dunque ai controlli a tappeto (già pronti 25 ufficiali di polizia giudiziaria) sugli impianti di riscaldamento a gasolio e le temperature dei riscaldamenti.
Per coinvolgere i milanesi nella lotta contro lo smog, il Comune ha invece organizzato la «Settimana dell’ambiente». Incontri e appuntamenti a partire da oggi, con 4 dibattiti sul tema aperti a tutti (oggi dalle 18 alle 19 e 30 si parlerà di depurazione delle acque) fino a giovedì 26 alla sala delle Coversazioni della Loggia dei Mercanti. Mostre «ecologiche», sempre alla Loggia dei Mercanti («Milano per l’ambiente sostenibile» e «Remade in Italy»). Per finire, una giornata per i bimbi organizzata dalla cooperativa Il Cigno e dalla cooperativa La Fucina per domenica 29, giorno in cui le auto resteranno in garage.
E se sabato notte i valori del Pm10 sono scesi a 170 microgrammi (contro i 276 registrati venerdì notte in viale Juvara dall’Arpa), da oggi le correnti fredde in arrivo dai Balcani miglioreranno la situazione portando a Milano aria gelida: le massime caleranno fino a 4-5 gradi sopra lo zero. Dopo la mini-ondata di freddo, già da domani un calo di vento e un aumento di pressione faranno salire di nuovo i valori delle polveri sottili.
Non resta dunque che sperare nel weekend. Da giovedì a sabato sono previste possibili perturbazioni: pioggia, magari anche neve.