Podestà accelera di nuovo: «Pedaggio sulle tangenziali»

Il presidente della Provincia ci riprova. Lo aveva proposto qualche mese fa, trovando i paletti di una parte della maggioranza, ma ieri ha riproposto un «pedaggio di scopo a tutti gli ingressi delle tangenziali intorno a Milano». Un ticket «per finanziare l’allungamento delle linee della metropolitana». Guido Podestà ha chiesto di valutare l’ipotesi, «dobbiamo capire se questo pedaggio sia possibile e come: se abbiamo un quid minimale, lo dedichiamo tutto all’allungamento del metrò verso l’esterno, per intercettare quei 700-800mila automobilisti che ogni giorno raggiungono il capoluogo. Del resto «dalla fiscalità generale oggi queste risorse non ci sono».
A chi potrebbe obiettare che si tratta di un ulteriore balzello, il presidente dalla Provincia ha già replicato che il sistema significherebbe «avere una qualità dell’aria migliore e costituirebbe invece un risparmio per gli utenti», dato da un minor consumo di carburante in coda e da una velocizzazione del traffico. «Negli ultimi cinque anni - ha infine osservato Podestà - non si è inaugurata una sola stazione della metropolitana: lo faremo in dicembre ad Assago, ma è troppo poco». Se uno «ha un quid di pedaggio - ribadisce Podestà -, siccome trova minore affluenza su quella infrastruttura, ha un consumo minore di carburante perchè la velocità diventa superiore, minor immissioni in atmosfera, minor tempo e maggior qualità di vita». Potrebbe essere «una prospettiva di medio periodo positiva. Poi, disponibilissimo a ragionarne. Se altri hanno delle soluzioni diverse per finanziare l’allungamento delle metropolitane lo dicano. Io oggi sinceramente nella fiscalità generale queste risorse non le vedo e penso che non le vedrò per molto tempo».