Podestà festeggiato dagli Amici della Lirica «Con Berlusconi 34 anni di amicizia e stima»

Nelle storiche sale tanto amate da Verdi dove alloggiò a lungo tanto da farne la sua casa, sostenuto dagli Amici della Lirica, Guido Podestà candidato di Berlusconi alle provinciali ha potuto raccontare l’altra faccia dell’uomo politico, lasciandosi andare ai ricordi e agli affetti. Ex allenatore di nuoto per la Pirelli dove suo padre era dirigente per poi passare con il fratello alla pallanuoto. Accanto a lui la moglie Nevia che da 28 anni lo segue dandogli serenità come Podestà stesso ha affermato, «una condizione senza la quale io non potrei continuare a lavorare e a impegnarmi per cause importanti. Definisco la mia famiglia la mia baia, un luogo dove posso rifugiarmi. Mi ritengo un uomo fortunato. Fortunato anche da quando Berlusconi mi chiese di occuparmi del Parlamento Europeo. Il presidente mi conosce da 34 anni e la nostra fiducia e amicizia cresce reciprocamente di giorno in giorno».
A confermare, sollecitata dalla madrina degli Amici della Lirica, Daniela Javarone, la signora Nevia ha raccontato della loro love story e si è esposta da grande pr raccontando quanto la loro ragazzina stimi papà: «...mia figlia mi ha detto e un giorno ho anche visto che ha scritto che lo considera un uomo onesto, buono e leale. Questo mi commuove perché è la stessa cosa che mi ha sempre colpito di Guido». Sforando i cinque minuti classici di chiacchierata di un parlamentare europeo, Podestà, ex delfino dell’Edilnord, alla presenza di Alberoni, il marchese Litta, l’imprenditrice Accunzo, il costruttore Battanta, il cui figlio Fabrizio (candidato zona 1) è nelle lista di Podestà nella quale compare anche il rinnovato simbolo della Dc, Manuela Gatteno, Alberto Veronesi ora nel Movimento per le Autonomie, l’onorevole Salvini candidato per la Lega al Parlamento Europeo ha incantato i presenti prima presentando il programma con Cristiana Moscardini preziosa alleata politica da 15 anni. Gli assessori Mascaretti e il presidente del Consiglio comunale Palmeri, l’onorevole Maiolo e l’assessore ai servizi sociali Mariolina Moioli, hanno tagliato con lui la torta che porta il simbolo del Pdl. La dottoressa Navone ha aperto grazie ai fondi raccolti un «punto rosa» per il Gaetano Pini e i City Angels hanno presentato il libro «Donne, basta paura».