POETI IN CAMPO

Tre-nette col pesto
Sono «episodi» quelli di Milito,
non sono gol, a detta di qualcuno,
malgrado ciò, per noi rimarrà un mito,
insostituibile senza dubbio alcuno.
Pur se ridotti in nove e un po’ ammaccati
io qui ripeto (è lecito anche questo)
una frase a cui siamo affezionati:
«Le reti furon tre-nette... col pesto!»


Polvere di stelle
Che trittico, / quelle / dita / alzate / ritte / al cielo, / ispirato / magico tocco / lirica / pura / tonica tecnica / per noi mortali. /
Derby / perfetto, / sporcato / solo / da nervi / e foga fisica. /
Milito / tocco / fatato / ma che / principe / Re, / regno assoluto / fra di noi.
Mario Sciacca

O derby

In tribbunna grasso e tondo / che o paiva un mappamondo / o criava finn-a noia / viva o Zena, abbasso o Doia. / Longo e magro comme un stecco / con n’a faccia da massabecco / a so eterna cantilena: / via o Doia, abbasso o Zena. /
Zogan ben, miga son frilli... / driti in pè comme... birilli! / Con Milito e Thiago Motta / a saia n’a doppia botta / poi se arriva Milanetto / n’atro gol ciù che perfetto. / Con Palombo e super Cassan / a partia ghe l’emmo in man, / con un Pazzini fenomenale / saia un gol eccezionale! /
Un pareggio? No ghe saieva sugo / po pensalo solo un besugo!
Sergio Crocco