Poettering: "Astensione alta? Più forti gli estremisti"

Il presidente parlamento europeo: "Se la gente non vota, il pericolo è che ci siano più partiti estremisti o fuori dalla corrente
generale"

Strasburgo - Le elezioni del 6-7 giugno sono molto importanti per il futuro dell'Europa, eppure è forte il rischio astensione. Il presidente dell’europarlamento Hans Gert Poettering in un’intervista al quotidiano spagnolo El Mundo si è soffermato sull'argomento, sottolineando il rischio di una crescita dei partiti estremisti se alle europee di giugno ci sarà una bassa partecipazione al voto. "Se la gente non vota, il pericolo è che ci siano più partiti estremisti o fuori dalla corrente generale" ha affermato.

La nuova assemblea Poettering ha anche indicato che presiederà la riunione costitutiva della futura nuova assemblea Ue dopo le elezioni per evitare che il leader dell’estrema destra francese Jean Marie Le Pen, possibile membro anziano del nuovo Europarlamento, possa essere chiamato a farlo. "I leader politici si sono consultati, e dovrebbe essere il presidente uscente ad aprire la prima sessione" ha spiegato. "Il parlamento - ha aggiunto - crede che una persona che non ha condannato l’Olocausto non è la più indicata per presiedere la prima sessione della legislatura".