An point bruciato: presentata la denuncia

L’assessore ai Grandi eventi, Giovanni Bozzetti, intestatario dell’info-point di An distrutto durante gli incidenti scatenati dagli estremisti di sinistra sabato scorso in corso Buenos Aires, ha presentato denuncia in Questura. Quell’ufficio, infatti, era stato messo a disposizione del partito fino al 10 di aprile proprio da Bozzetti, candidato alle politiche. «Al di là degli ingenti danni morali provocati - ha commentato - è inconcepibile assistere a vere e proprie scene di guerriglia urbana inscenate da chi non ha il minimo rispetto della democrazia, della libertà di espressione, delle normali regole di convivenza civile, e ha dimostrato anche di non avere il minimo rispetto per la vita delle persone che affollavano corso Buenos Aires tra cui molti bambini».
«Solo il fatto che il palazzo dell’An point fosse completamente disabitato - ha aggiunto - ha impedito una tragedia di vaste dimensioni. Esprimo solidarietà alle forze dell’ordine, che hanno messo in pericolo la loro propria vita, e a tutti i commercianti di corso Buenos Aires che sono stati danneggiati da questi gravi incidenti».
«Ho deciso per il momento - ha concluso - di non ripristinare l’An point, ma di lasciarlo a memoria per far vedere chi sono gli alleati del centrosinistra. Bisogna ricordare il passato per non rivivere le stesse tragedie anche nel futuro. Continuerò comunque il confronto con i cittadini, senza lasciarmi intimidire».