Poker del Bari a Bergamo: ora è a 3 punti dalla A

37ma giornata di serie B: pugliesi quasi in festa promozione con l'Albinoleffe (schiantato 4-1); Livorno sconfitto in casa dal Modena (1-2), distacco dal primo posto a 13 lunghezze. Pari per Brescia e Empoli, bene il Grosseto. In coda rimonta-speranza per l'Avellino (3-2 a Rimini)

Il Bari serve il poker a Bergamo e batte l'Albinoleffe per 4-1. La A è davvero a un passo. Tre soli punti, infatti, separano a questo punto i pugliesi dal ritorno nella massima serie, considerato il vantaggio di 13 punti sulla terza a 5 giornate dalla conclusione. L'occasione per la festa anticipata potrebbe già essere la sfida con l'Empoli di lunedì 4 maggio al San Nicola. Complice la contemporanea (e inattesa) sconfitta del Livorno, superato in casa per 2-1 dal redivivo Modena. Al Parma, invece, toccherà lunedì la Salernitana per tentare l'allungo decisivo e unirsi ai biancorossi senza passare per i playoff.
Eppure la cronaca della 37ma giornata non è stata affatto «annunciata». Il Bari è andato presto in vantaggio (16') con il solito Barreto, ma la svolta è stato il nuovo vantaggio giusto un attimo dopo la rete del momentaneo pareggio dell'Albinoleffe ad opera di Ciellini. Ma il secondo, e fondamentale, guizzo dell'attaccante brasiliano (a quota 20 tra i cannonieri) ha messo la gara su un binario favorevole ai galletti. Nella ripresa hanno praticamente passeggiato, grazie a un Guberti sopra le righe (rigore conquistato e gran gol in azione personale per il 4-1 finale) pur mancando diverse opportunità che avrebbe reso il risultato ancor più roboante.
Intanto al «Picchi» di Livorno andava in scena la vera sorpresa di giornata: toscani sotto di due reti a inizio ripresa (Pinardi e Bruno), mentre Diamanti ha soltanto illuso. Per il Livorno la situazione si complica ulteriormente: raggiunto al terzo posto dal Brescia - che però non ne ha approfittato fino in fondo, impattando 0-0 al «Rigamonti» contro il Mantova -, ma soprattutto alle spalle sente la pressione del Sassuolo, che la spunta nell'ultimo quarto d'ora contro l'Ascoli (1-0, Noselli). Gli emiliani, comunque vadano le cose rivelazione del campionato, hanno di fronte tre spareggi secchi contro i rivali Brescia (oggi fermo sull'1-1 a Piacenza), Sassuolo e Parma nelle prossime quattro giornate. Insomma, la gloria dipenderà sostanzialmente dai risultati negli scontri diretti. Il Grosseto, invece, rientra nei giochi playoff vincendo 2-1 con il Vicenza (reti di Bonanni e Sansovini, inutile il gol dei veneti allo scadere con Forestieri), l'aggancio all'Albinoleffe è cosa fatta.
In coda, oltre alla vittoria del Modena, spicca la contro-rimonta dell'Avellino a Rimini (3-2): Pecorari e Venitucci (a 5 minuti dalla fine) ribaltano il parziale di fine primo tempo, quando erano sotto per 2-1. La possibile salvezza per i biancoverdi, in attesa del posticipo, ora è distante quattro lunghezze. Affermazione d'orgoglio anche del Treviso 1-0 alla Triestina, risolve Quadrini), sempre alle prese con situazione societaria molto fragile. In ogni caso, tre punti che tengono vive le speranze. Chiude il quadro della 37ma Frosinone-Pisa 1-1 (Viviani, Eder). Lunedì l'Ancona ospiterà il Cittadella, una vittoria per entrambe significherebbe allontanarsi forse definitivamente dalla zona retrocessione.
Ecco la classifica completa a cinque giornate dalla conclusione: Bari 72, Parma 66, Livorno e Brescia 59, Sassuolo 58, Empoli 56, Albinoleffe e Grosseto 54, Triestina 52, Ascoli 49, Piacenza 47, Vicenza 46, Pisa e Mantova 44, Rimini e Frosinone 43, Cittadella e Ancona 42, Salernitana 40, Modena 39, Avellino 36 (2 pp. penalizzazione), Treviso 34 (1 p. penalizzazione).