Un poker di concerti per il «Getzmataz Festival»

Coinvolgere una città dalla lunga tradizione jazzistica come Genova non è stato difficile per un gruppo di sette appassionati di jazz che nel 2004 ha avuto l'idea, poi felicemente realizzata, di creare un festival del settore. È nato così, nell'anno in cui la città era capitale della cultura il primo «Gezmataz Festival» e da un evento che doveva essere sporadico, è venuta fuori una tradizione che giunge fino ad oggi in cui «Gezmataz Festival 2007» è alla quarta edizione.
Il successo della manifestazione è da attribuire all'impegno del suo direttore artistico Marco Tindini e dei suoi soci collaboratori che hanno voluto creare un dialogo costruttivo tra i singoli coinvolgendo la città in una serie di accadimenti musicali e culturali che indubbiamente ha trovato un lusinghiero e crescente riscontro tra il pubblico. Quest'anno il festival - che si svolge all’Arena del mare, al Porto Antico - comprende cinque importanti appuntamenti: martedì 17 luglio concerto dei Doctor 3 di Danilo Rea,Enzo Pietropaoli,e Fabrizio Sferra,venerdì 27 ci sarà Richard Galliano accompagnato dal suo Tangaria Quintet,che presenterà l'ultima fatica discografica «Luz negra». Galliano,erede diretto di Astor Piazzola, compone ed orchestra la sua personale sintesi di improvvisazione jazzistica e tradizione mediterranea. Il musicista, il giorno precedente al suo concerto, terrà anche nell'ambito dei workshop di improvvisazione una masterclass sul tema «L'approccio all'improvvisazione tra jazz e tango».
Sabato 18, in occasione della Notte Bianca delle Tall Ships, Gezmataz propone un doppio appuntamento gratuito che comincerà con il Trio Favata alle 21, per poi continuare alle 22,30 con gli Snackmates.
Domenica 29 un altro grande appuntamento con Enrico Rava, il jazzista italiano più conosciuto e ricercato a livello internazionale, che si esibirà con altri talenti quali il pianista Andrea Pozza e il trombettista Gianluca Petrella.
In chiusura il 31 avremo l'evento della manifestazione, che è l'arrivo in esclusiva italiana degli E.S.T.- Esbjorn Svensson Trio, formazione svedese che ama definirsi come «un gruppo pop che suona il jazz».
La manifestazione prevede anche eventi collaterali come il party del 24 luglio,festosa presentazione alla città di tutti gli eventi del Festival, e la cena del 26 con Jam session al Ristorante Garibaldi,a cui prenderanno parte allievi e docenti del Gezmataz Workshop. Gli allievi si esibiranno anche in concerto lunedì 23 e mercoledì 25 all'ora dell'aperitivo al Banano Tsunami, proprio nel centro dello specchio d'acqua del Porto Antico.