Un polemico gentiluomo di campagna

Roger Vernon Scruton, classe 1944, ha compiuto i suoi studi alla Royal Grammar School di High Wycombe e a Cambridge. Docente di estetica al Birkbeck College di Londra, ha anche insegnato filosofia all’Università di Boston e attualmente è ricercatore per l’Institute for the Psychological Sciences della Virginia. Nel 1982 ha fondato la Salisbury Review e l’ha diretta fino al 2001. Negli anni Novanta ha riscoperto il fascino della vita in campagna e della caccia alla volpe (severamente vietata oggi in Inghilterra). Vive con la famiglia in una fattoria a Brinkworth nello Wilthshire. Fra le sue pubblicazioni tradotte anche in Italia, Guida filosofica per tipi intelligenti (Raffaello Cortina, 1997), Spinoza (Sansoni, 1988), La filosofia moderna. Un compendio per temi (La Nuova Italia, 1998), L’Occidente e gli altri. La globalizzazione e la minaccia terroristica (Vita e Pensiero, 2004), Sulla caccia. Riflessioni filosofiche per un’apologia dell’ars venandi (Olimpia, 2007) e Manifesto dei conservatori (Raffaello Cortina, 2007). Le sue tesi controcorrente suscitano polemiche.