La Polfer fa "pulizia" alla stazione

Allontanati i teppisti in vista del Salone nautico. Tre arresti e 140
persone identificate. Fermato un pregiudicato armato di stampella

La polizia ferroviaria fa «pulizia » nelle stazioni in vista del Salone Nautico. E i primi risultati si sono già visti con tre arresti, 140 persone identificate e 30 treni scortati. Ecco le cifre di un’operazione di controllo attuata nel fine settimana dalla polizia ferroviaria negli scali genovesi su disposizione del dirigente del Compartimento «Liguria», Roberto Guerri. Il servizio, attuato in previsione dell’imminente apertura del 48˚ Salone Nautico Internazionale, è stata affidata al personale della sottosezione di Brignole allo scopo di bonificare lo scalo dalla presenza di persone pericolose e sospette, incrementando preventivamente la sicurezza dei viaggiatori. Secondo quanto spiegato dai dirigenti, uno dei tre arresti effettuati dalla Polfer è stato eseguito nella prima mattina di sabato, quando gli agenti sono intervenuti nella stazione ferroviaria di Genova Brignole per fermare un pregiudicato che stava brandendo una stampella contro alcuni viaggiatori offendendoli anche a parole. L’uomo, un pregiudicato di 55 anni, di origine sarda, ha opposto resistenza ai poliziotti provocando loro alcune lesioni ed è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate. All’uomo, processato per direttissima, è stata applicata la custodia cautelare in carcere fino al gennaio 2009. Domenica invece le manette erano scattate per un latitante romeno, C.S.G., di 30 anni, per il quale due anni fa era stata spiccata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere dalla procura di Lucca con l’accusa di concorso in ricettazione. Venerdì pomeriggio, infine, era stato condotto il primo arresto a carico di un algerino di 45 anni, pluripregiudicato con numerosi alias e ricercato per aver trasgredito ad un ordine di espulsione emesso dalla questura di Varese.