Al policlinico gli ultimi collaudi per rendere accessibili i passaggi già dopo le ferie estive. Ed entro la primavera del 2009 si chiuderà la seconda fase

Al Policlinico Umberto I andranno avanti per tutto il mese di agosto i lavori di ristrutturazione dei cunicoli che collegano i padiglioni dell’ospedale, gli stessi che in passato sono finiti al centro di aspre polemiche per la situazione di degrado in cui versavano. Una parte, infatti, è già stata rimessa a nuovo, ma non sarà accessibile fino a quando il collaudo non verrà completato. Il cronoprogramma prevedeva che dopo l’inaugurazione delle gallerie ipogee rimesse a nuovo, avvenuta il 31 luglio scorso, si procedesse a verificare che tutto fosse effettivamente in ordine. Facendo così ricominciare i passaggi veri e propri al rientro dalle ferie estive. «Solo di pazienti e personale autorizzato però», come aveva precisato il direttore generale della struttura, Ubaldo Montaguti.
L’intervento di ristrutturazione per rendere utilizzabili le gallerie in piena sicurezza è stato reso possibile grazie a uno stanziamento da parte della Regione pari a 28 milioni di euro, che era stato disposto il 29 marzo del 2007.
Nel corso di questa delicata fase dei lavori il trasferimento di pazienti e quant’altro serve per accudirli al meglio - dai farmaci al vettovagliamento - viene effettuato con autoambulanze (ma queste, secondo il personale in servizio, sono insufficienti) o con carrelli spinti a mano. La prima fase è stata conclusa nei 100 giorni previsti - il conto alla rovescia è partito il 20 marzo scorso - con l’inaugurazione del 31 luglio 2008 alla presenza del presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo ed è già iniziata l’annunciata seconda fase per la predisposizione di sottogallerie in cui troveranno definitivamente posto cavi e tubazioni. Il definitivo taglio del nastro è previsto per la primavera del 2009.
Per Marrazzo la conclusione della prima fase dei lavori «è solo un piccolo passaggio che può diventare un grande modello». Ed è stata la dimostrazione che «si poteva fare una ristrutturazione all’Umberto I». Ma per il Policlinico più importante d’Europa, la strada per rimettere a nuovo anche gli stabili, è ancora lunga. Per questo il governatore della Regione ha annunciato che chiederà al governo, «al presidente Berlusconi e ai ministri competenti di rilanciare il percorso». Per arrivare fino in fondo.