Poligrafico, utili in crescita del 25%

Utili in crescita del 25% nel 2005 per l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, pari a 64,1 milioni, rispetto a 51,5 milioni dell’esercizio 2004. Il consiglio di amministrazione ha proposto un dividendo di 17 milioni, invariato rispetto al dividendo assegnato nel 2004. Nonostante una «lieve contrazione» del fatturato, ha dichiarato il direttore generale Lamberto Gabrielli, «la crescita della marginalità ha consentito anche quest’anno di confermare all’azionista Tesoro un dividendo pari al 5% del capitale sociale». Il conto economico presenta un valore della produzione pari a 449 milioni (463 milioni nel 2004) e un ebitda di 113,5 milioni, in crescita del 4,6% rispetto ai 108 milioni dell’esercizio precedente. Significativa la crescita dell’utile netto, pari a 64,1 milioni, «il migliore in termini assoluti della sua storia», precisa in una nota lo stesso Poligrafico, con un aumento del 25% rispetto a 51,5 milioni dell’esercizio 2004. Risultati sottolienati con soddisfazione dal neo amministratore delegato, Massimo Ponzellini, che ha quindi indicato al consiglio d’amministrazione le prospettive per il 2006 che saranno «di crescita».