Il Politecnico tra le 50 migliori università tecnologiche al mondo

Secondo il QS World University Rankings l'ateneo di piazza Leonardo si classifica al 48esimo posto nell'area disciplinare dell'«Engineering and Technology» e al 227esimo posto nella graduatoria delle prime università del mondo, guadagnando 18 posizioni rispetto al 2010.

Il Politecnico di Milano entra nelle classifica delle prime 500 università al mondo, piazzandosi al 227esimo posto. Secondo la QS World University Rankings, la principale classifica delle università internazionali, l'ateneo di piazza Leonardo migliora e rafforza la propria presenza nella graduatoria generale, guadagnando 18 posizioni rispetto al 2010. Un trend positivo che negli ultimi 6 anni ha fatto salire il Politecnico di ben 82 posti. Particolarmente significativo il risultato ottenuto nell'area disciplinare dell'«Engineering and Technology» della classifica dove il Politecnico di Milano si posiziona quest'anno al 48°posto, diventando la prima università italiana nella storia del ranking QS a entrare tra le 50 migliori università tecnologiche del mondo.
Il QS World University Rankings è stato istituito nel 2004 ed è diventato una delle più citate e rinomate classifiche sulle università internazionali. Progettata principalmente per i futuri studenti stranieri, è pubblicata annualmente su www.topuniversities.com. La classifica è il frutto di un'indagine che considera oltre 2.000 atenei e valuta oltre 700 università mondiali sulla base dei seguenti elementi: 40% Academic reputation from global survey, 10% employer reputation from global survey, 20% citations per faculty from SciVerse Scopus, 20% faculty student ratio, 5% Percentuale di studenti stranieri, 5% percentuale di docenti stranieri. La classifica è suddivisa in cinque grandi aree tematiche: Arts & Humanities, Engineering & Technology, Life Sciences & Medicine, Natural Sciences and Social Sciences & Management.
Tra i fattori che spiegano i risultati ottenuti dal Politecnico un peso molto importante assume la valutazione dei responsabili delle risorse umane delle imprese internazionali sulla qualità di laureati, nella quale il Politecnico è risultato al 51° posto assoluto.
Particolarmente significativo il risultato ottenuto nell'area disciplinare dell'«Engineering and Technology». «Essere la prima università italiana a entrare tra le 50 migliori università tecnologiche del mondo è un motivo di grande soddisfazione; è un attestato della qualità della nostra ricerca e della nostra formazione. Credo che, soprattutto in periodi come questo, ci sia un grande bisogno di notizie positive nel nostro Paese, che ha grandi capacità nel campo dell'innovazione tecnologica ed è in grado di attrarre e di creare capitale umano di assoluta qualità» afferma Giovanni Azzone, Rettore del Politecnico.