Politica e morte: un giallo nella Genova del 1975

Gli autori lo presentano come «un romanzo di politica, amore e morte nell’Italia degli anni di piombo». Ma sarebbe più giusto dire nella Genova degli anni piombo. «Il compagno sbagliato» (Mursia editore, 224 pagine, 14 euro) è un giallo scritto dal giornalista di Repubblica Stefano Bigazzi insieme al pittore Vincenzo Guerrazzi, ambientato proprio nella nostra città. In una notte di ottobre del 1975 Massimiliano Comino, colpito da un colpo di arma da fuoco, muore nell’androne di casa mentre la città è sferzata da una bufera di vento gelido. Poco distante, Luca Quartullo, militante di sinistra, e Floriana Della Valle, ragazza di buona famiglia prestata alla politica, concludono la loro serata insieme. Si apre così il romanzo che - spiegano gli autori - fin dalle prime pagine dispiega davanti al lettore i simboli che hanno profondamente segnato gli anni di piombo: morte, sesso, lotta di classe e rivoluzione.
Bigazzi e Guerrazzi martedì alle 18.30 lo presenteranno alla Libreria Porto Antico, al Palazzo del Millo, a Genova. Attorno ai tre personaggi ruota una storia «che spiega la nascita del terrorismo».