Israele, effetti collaterali del voto dal Pd a Obama

La sinistra tornerà a litigare sulla Palestina, Barack con Bibi

Il risultato a sorpresa del voto in Israele non mancherà di far sentire i suoi effetti anche nel nostro Paese. Anche sui media e nel mondo politico italiano, prima delle elezioni, il cliché di Netanyahu "reprobo nemico della pace e ormai ripudiato dal suo stesso popolo" aveva avuto facile sopravvento. Ma ora che le urne hanno dato un ben diverso responso, vale la pena riflettere sulle principali ricadute che potranno riguardarci.

PALESTINA

La ricaduta più probabile del mancato disarcionamento dell'«impresentabile» Netanyahu sono ulteriori complicazioni nel già ambiguo percorso di riconoscimento della Palestina. Anche qui, chi sperava in una facilitazione come conseguenza di un cambio della guardia a Gerusalemme rimane col cerino in mano: e il problema si accentuerà nel momento in cui Abu Mazen, come ha promesso ieri, porterà avanti la sua denuncia al Tribunale internazionale contro Israele «per crimini di guerra». All'interno del Pd e del governo è facile prevedere un approfondimento delle divisioni interne. Più in generale, a livello di comunicazione istituzionale, ce la caveremo con un generoso supplemento della solita retorica pacifista a senso unico che gli israeliani hanno confermato di non digerire.

MINACCIA NUCLEARE

La Casa Bianca ha un bel ripetere che il mantenimento di Netanyahu al suo posto di comando non avrà alcuna conseguenza sul negoziato con l'Iran: è vero esattamente il contrario, considerando che nel suo recente discorso al Congresso americano che tanto ha irritato il presidente Obama, Netanyahu ha scandito che Israele è pronto a difendersi anche da solo dalla minaccia atomica di Teheran. Più che probabile, quindi, che nei prossimi mesi il tema del rischio di un conflitto mediorientale innescato dal profondo dissidio tra Iran e Israele recupererà il suo spazio anche nel nostro dibattito politico.

IL RUOLO DELL'AMERICA

Un Obama inviperito per la scelta degli elettori israeliani che suona come uno schiaffo all'alleato che garantisce concretamente la sicurezza del loro Paese. Un partito repubblicano che, chiunque sarà il suo leader nell'ormai non lontana corsa alla Casa Bianca del 2016, farà dell'incrollabile amicizia con Israele un tema forte della sua politica estera. Da qui al prossimo braccio di ferro politico elettorale negli Stati Uniti, l'eterno pasticcio mediorientale farà ricadere anche in Italia gli effetti di una divisione che in fondo si riproduce uguale in tutto il mondo: i «progressisti» ostili a Netanyahu, i conservatori (maggioranza nell'opinione pubblica italiana ma non sempre nella sua rappresentanza politica) disposti a sostenerlo.

LA SPACCATURA NELL'UE

Federica Mogherini ha già annunciato un rinnovato impegno dell'Ue per «il rilancio» del processo di pace con i palestinesi. Parole che appaiono, al di là della buona volontà, più che mai di circostanza. In realtà, tutti sanno che Netanyahu ha ben poca volontà di compromesso con i palestinesi, e che le intenzioni «di pace» di questi ultimi non sembrano molto credibili. Piuttosto, l'Europa rischia una volta di più di spaccarsi al suo interno tra chi vorrà spingere in un angolo il «reprobo» Netanyahu e chi cercherà di lavorare per evitare il suo isolamento.

Commenti
Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Gio, 19/03/2015 - 08:59

Gli effetti della Vittoria di Bibi nel nostro Paese li conosciamo. I Comunisti continueranno come prima e più di prima a foraggiare i terroristi Palestinesi sino a quando negli USA non sarà cacciato a pedate l'islamico negro Baracca Obama.

glasnost

Gio, 19/03/2015 - 09:22

Chissà se gli Ebrei Italiani si schiereranno con Netanyahu o coi palestinesi? Quelli politicamente corretti (Lerner,Mentana ecc) sicuramente coi Palestinesi!!

Puccettone

Gio, 19/03/2015 - 09:43

Il negronebadulone badulone,american bestiazza ,deve andarsene in Nigeria a mangiare banane con la kyenge e con il balota!!!,

habanero63

Gio, 19/03/2015 - 10:04

le intenzioni di pace dei Palestinesi non sono credibili ???? ma vergognati, fatti circoncidere e cambia mestiere ! la volontà genocida del popolo ebraico si è manifestato ampiamente con questo voto e a voi del Giornale di Sion non resta che vergognarvi

Roberto Casnati

Gio, 19/03/2015 - 10:40

Ah ah ah! Ha parlato la Mogherini! Da scompisciarsi!

pgbassan

Gio, 19/03/2015 - 10:51

W Israele.

antipodo

Gio, 19/03/2015 - 11:20

I Palestinesi vogliono la pace? Anche gli zingari "cercano" lavoro ma non lo trovano? BABBEI!

Massimo Bocci

Gio, 19/03/2015 - 11:29

Un buon articolo, ma che non affronta i veri nodi del problema il nuovo ordine mondiale criminale.... METICCIO!!!, la prima cosa e' quell'appellativo di progressisti, dato a veri TRADITORI,DELL'OCCIDENTE e DELLA DEMOCRAZIA una vera pletora di profittatori,etero diretti (come l'abbronzato) i capi popolo religiosi che hanno nel mantenimento dell'ignoranza il loro primo obbiettivo potentati cricche di finanziatori del REGIME METICCIATO, che in un periodo di progresso scientifico e veicolazione dell'informazione ha per rimanere EGEMONE CRIMINALE,un solo scopo,obbiettivo distruggere le democrazie e gli stati nazionali di autoctoni e l'ordine democratico dell'occidente,e per questo utilizzano  il terzo mondo,come allevamento intensivo (pollai umani), per il LORO REGRESSO di popoli produttori,e commercializzando la sovrapproduzione per i loro AFFARI CRIMINALI:.......segue 2

antipodo

Gio, 19/03/2015 - 11:29

Habanero63 Gli ebrei "volonta'genocida." Va bene, se lo dici tu! I Palestinesi brava gente alla ricerca della pace. Va bene, se lo dici tu! Sei un disperato ignorante senza raziocino e razzista. Questo non lo dici tu ma te lo dico io. Ciao

Massimo Bocci

Gio, 19/03/2015 - 11:30

Segue 2.....di produzione di sfruttamento intensivo, terroristici per l'invasioni e la destabilizazioni di nazioni e popoli autoctoni, come pezzi di ricambio per gli stessi facoltosi finanziatori,per accompagnamento di  (come animali domestici) di singoli e coppie gay, per riempire chiese e minareti che non hanno più senso,ecc.  per questo ci sono state e fomentato le guerre e attentati,carestie ,miseria,disoccupazione, il MERCATO UNICO METICCIATO chr deve procurare il terrore,destabilizzazione Cosa essenziale per i criminali dell'internazionale dei METICCI in Israele,un popolo autoctoni ha rifiutato di farsi ANNIENTARE.

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 19/03/2015 - 11:45

W Israele e Netanyahu! Abbasso l'islamico Barak Hussein Obama collega dei Fratelli Musulmani.

giumaz

Gio, 19/03/2015 - 11:52

Obama in politica estera passerà alla storia come il peggior presidente statunitense, peggiore di Clinton e di Carter che già fu un disastro. Quanto alla Moscerini ... beh il suo pensiero conta proprio come il rumore di un moscerino.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 19/03/2015 - 11:58

Approfitto dello spazio solo per segnalare che quanto descritto nell'articolo apparso su queste pagine il giorno 16 Marzo, dal titolo "Ora Varoufakis nega pure l'evidenza: "Il dito medio ai tedeschi? Montatura"... era realmente una montatura. Ad ammetterlo è stato Jan Boehmermann, autore della burla e conduttore della trasmissione satirica "Neo Magazin Royale" trasmessa dall'emittente tedesca ZDF.

Libertà75

Gio, 19/03/2015 - 11:58

chissà se la sinistra europea accetterà il verdetto democratico israeliano

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 19/03/2015 - 11:59

habanero63, mai letto lo statuto di Hamas? C'è in rete ed e moolto esplicito sulla volontà di pace dei palestinesi. Per continuare a sparar caz z ate deve oscurare tutti i siti che lo riportano. In pratica annientare Internet.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 19/03/2015 - 12:09

Non vorrei apparire bacchettone, pudico e moralista, tuttavia chiedo alla redazione se non ritenga eccessivo che l'utente Puccettone utilizzi l'immagine del proprio viso come avatar.

squalotigre

Gio, 19/03/2015 - 12:52

habanero63- Bibi ha vinto in Israele proprio perché spara e non si cala le mutande. Il solo discorso che capiscono i palestinesi ed i terroristi islamici è quello delle bombe e sono loro stessi che le vogliono e disprezzano coloro che non le usano. I sondaggisti in Israele sono della stessa genia di quelli che pontificano in Italia ed hanno la loro credibilità. Capisco che per lei se dai colli romani sparassero missili su Roma, i terroristi sarebbero gli italiani che si difendono, ma così funziona solo nel suo cervello bacato ed inutile. Gli ebrei si sono stufati di essere uccisi ed hanno deciso di difendersi e la soluzione finale la riservano a coloro che hanno come fine quello di distruggerli. Dovrebbero offrire il loro collo agli sgozzatori ma si rifiutano di farlo e questo non sta bene. Dire che lei è un idiota sarebbe offendere gli idioti.

Ritratto di Kill_putler

Kill_putler

Gio, 19/03/2015 - 13:31

A me il demente colorato, sembra esattamente come Eddie Mush (credo che nella verione italiana, il nome fosse "Eddie muffa"...) del film con R. De Niro "Bronx": ogni "scommessa" che fáceva, diventava mer*a! Tale e quale al demente colorato: se puntasse su Tyson, contro B. Vespa, Vespa sicuramenrte vincerebbe per KO al primo round.