Via gli 80 euro per la flat tax. Ma non si evita l'aumento Iva

La Lega studia il bilancio 2020: 45 miliardi da trovare. L'alternativa è deficit o aliquote più alte sui consumi

La flat tax sarà finanziata in parte da un recupero dell'evasione fiscale e, soprattutto, dalla cancellazione degli 80 euro di Matteo Renzi. Per il resto, allo stato attuale, la Legge di Bilancio 2020 sarà fatta in deficit o con gli aumenti Iva.

L'offensiva di Matteo Salvini sui temi economici, dopo la convocazione dei sindacati e la richiesta di anticipare la manovra, è proseguita anche ieri. Il leader della Lega ha raccolto a metà la sfida di Luigi Di Maio che lo ha invitato a indicare subito le coperture della proposta di bandiera della Lega. Per la flat tax servono 15 miliardi e «sono già stati trovati», ha spiegato Salvini intervistato da Skytg24.

Il riferimento è un po' agli approfondimenti che stanno facendo i tecnici della Lega, ma per il resto si basa sul ventaglio di coperture che il ministero dell'Economia sta effettivamente studiando. La Lega punta su almeno 5 miliardi di nuove entrate fiscali nel 2019. Poi in 10 miliardi dalla revisione delle tax expenditures e, in particolare, dalla cancellazione degli 80 euro di Renzi.

Il bonus in busta paga è da tempo nel mirino del ministro Giovanni Tria che lo classifica tra le «spese fiscali» che complicano il quadro delle finanze pubbliche e pensa possa essere sostituito da altre agevolazioni fiscali.

Unico problema, la flat tax non esaurisce la manovra della prossima legge di Bilancio. La più pesante della storia repubblicana, ha ricordato ieri Renato Brunetta di Forza Italia. La cifra è enorme 40-45 miliardi. «Ricorda - sottolinea Brunetta - quella monstre da 90 mila miliardi di euro del 1992 approvata dal Governo tecnico guidato da Giuliano Amato». Una cifra che la prossima legge di Bilancio raggiunge solo con la sterilizzazione degli aumenti Iva (23,1 miliardi) e con la copertura delle spese obbligatorie.

Nelle stime che rassicurano la Lega c'è l'effetto trascinamento dei conti pubblici del 2019, migliori rispetto alle previsioni ufficiali. Poi la prospettiva di una spending review raddoppiata, da due a quattro miliardi. Ma restano almeno altri 20 miliardi da coprire.

Il non detto di Salvini e che nel conto ci potrebbe anche essere una nuova sanatoria fiscale. Ma anche aumenti, magari parziali, dell'Iva che restano nel ventaglio delle possibilità. Unica alternativa e possibile nuova trincea tra la maggioranza e Tria è l'idea mai tramontata di potere fare una manovra in deficit.

Eventualità che il ministro dell'Economia non vuole nemmeno considerare. In teoria, non contemplata nemmeno dal premier Giuseppe Conte che nella lettera a Bruxelles ha confermato gli impegni sul deficit concordati con l'Ue.

Situazione complicata, anche perché in realtà a chiedere una manovra anticipata più che Salvini è l'Ue. Questa settimana scade l'ultimatum e il governo dovrà chiarire come intende correggere i conti del 2019, ma anche quelli del 2020. L'Ue ci ha chiesto da subito due manovre, non una.

Il ministero dell'Economia per il momento è alle prese con il consiglio dei ministri di mercoledì, che si occuperà solo dei conti dell'anno in corso e, più precisamente, dell'assestamento di bilancio.

L'obiettivo dei 5 miliardi per portare il rapporto deficit Pil del 2019 dal 2,4 al 2,1 è ancora in corso. Ci sono le entrate fiscali extra grazie alle maximulte e alla fattura elettronica. Poi i proventi del blitz alla Cassa depositi e prestiti e i due miliardi di tagli alle spese decisi con l'ultima legge di bilancio. Non i risparmi del Reddito di cittadinanza e di Quota 100, che potranno essere contabilizzati nel 2020.

Commenti

nerinaneri

Lun, 24/06/2019 - 08:39

...cadrà prima il governo...

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Lun, 24/06/2019 - 08:48

Iniziare a regolarizzare la prostituzione e far pagare le tasse a tutto l'indotto!

Jon

Lun, 24/06/2019 - 08:56

Egregio Signorini.. Perche' tacete sul fatto che il FISCAL COMPACT e' stato bocciato nella UE e quindi non inserito nei trattati Europei? Resta nella legge Italiana, che e' sottomessa ai Trattati, e quindi NULLA. Quindi dobbbiamo mantenere solo il 3% come previsto dalla UE nel rapporto Deb/Pil..SCRIVETELO UNA VOLTA ALMENO..!!!

Popi46

Lun, 24/06/2019 - 08:58

Così imparano a fare promesse fuori dalla realtà

titina

Lun, 24/06/2019 - 09:11

Intanto recuperare le tasse degli evasori, poi si penserà. la flat tax è ingiusta: è una "evasione" ( dei ricchi) legalizzata.

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Lun, 24/06/2019 - 09:24

Ci aumentano l'IVA, ci tolgono gli 80 Euro, il debito aumenterà, verremo sanzionati dall'UE ... grazie Salvini di abbassarci le tasse!

moichiodi

Lun, 24/06/2019 - 09:42

"servono 15 miliardi e sono stati trovati, ha SPIEGATO, salvini" spiegato in che modo?

finmec77

Lun, 24/06/2019 - 10:00

unica cosa che di buono aveava fatto eran osti benedetti 80 euro che per molte famiglie sono state una manna dal cielo, ora vogliono toglierli villantano sta benedetta flat tax, di cui si sa poco o niente e soprattutto non si sa quanto favorira' ralmente le tasche dei cittadini. Comunque sono convinto, pur avendolo votato, che questo governo sia alla frutta. Se vuoi fare ripartire il nostro paese devi dare la possibilita' li cittadini di avere potere di acquisto, e cosi' come impostato di certo non lo dai.

lupo1963

Lun, 24/06/2019 - 10:04

Se Salvini aumenta l'Iva il mio voto non prende piu' finche' campo .

Mborsa

Lun, 24/06/2019 - 10:04

Metà degli italiani non paga IRPEF, l'altra metà paga troppo per i servizi forniti. Per fare un bilancio "virtuoso" è inevitabile ritoccare parte delle aliquote IVA e delle detrazioni fiscali, compensando con una parziale, ma minore, riduzione delle tasse dirette. Le posizioni contrarie a priori (sindacati, Confcommercio, Confindustria etc) sono spesso difesa corporativa dei propri interessi, in sostanza conservatorismo.

schiacciarayban

Lun, 24/06/2019 - 10:17

Per abbassare le tasse tolgono gli 80 euro di Renzi. Siamo tornati al giochino delle tre carte?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 24/06/2019 - 10:18

E' giusto che il recupero dell'evasione fiscale finanzi la riduzione dell'Irpef, è un principio sacrosanto NELLA MISURA IN CUI IL RECUPERO DELL'EVASIONE DI QUEST'ANNO FINANZIA LA RIDUZIONE DELLE TASSE DEL SUCCESSIVO! Ma qui al solito si fanno le puntate alla roulette sulla pelle di chi verrà dopo tagliando ora sulla base di ipotetiche maggiori entrate domani e, nella storia di questo paese, questo si è sempre tradotto nel dover fare altro debito sul quale pagare altri interessi perché le previsioni di recupero dell'evasione sono sempre state disattese. basta con questa campagna elettorale permanente!

schiacciarayban

Lun, 24/06/2019 - 10:20

"Per la flat tax servono 15 miliardi e «sono già stati trovati», ha spiegato Salvini intervistato da Skytg24. E dove li avresti trovati? I casi sono due, o li avevi sotto al tuo materasso, oppure li togli da qualche altra parte, buffone!

schiacciarayban

Lun, 24/06/2019 - 10:26

In un paese di evasori fiscali, purtroppo le uniche tasse certe sono quelle dirette, sui prodotti. Quindi se non si vuole aumentare l'IVA bisogna veramente colpire gli evasori. Io di evasori ne vedo a decine ogni giorno camminando per la città, macchinoni da 200k euro guidati da improbabili personaggi, possibile che la finanza non li veda?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 24/06/2019 - 10:36

Quando si dice fare i Robin Hood al contrario rubando ai poveri per dare ai ricchi. Esempio famiglia con reddito di 22000 euro l'anno, oggi pagherebbe 5340 di IRPEF che per effetto dello sconto irpef di 960 euro (80x12), si riducono a 4380. Con la flat tax pagherebbero 4400 ... ah ... e nel frattempo hanno pagato di più tutto ciò che hanno acquistato per effetto dell'aumento dell'IVA. E più basso è il reddito peggio diventa. Non ho parole per descrivere una cosa del genere, o meglio, ne avrei tante ma nessuna è pubblicabile ...

Ritratto di Flex

Flex

Lun, 24/06/2019 - 10:43

L'aumento dell'IVA è come la "castrazione chimica" stae tranquilli non sentirete nulla ma di fatto siete dei "capponi".

giovanni951

Lun, 24/06/2019 - 11:01

ma possibile che tutti gli anni c’é una manovra da 20/30/40 mld? ma dove diavolo vanno sti soldi?

giovanni951

Lun, 24/06/2019 - 11:02

comunque togliere gli 80€ é una cosa giusta visto che sono stati dati malissimo, in modo ingiusto.

Popi46

Lun, 24/06/2019 - 11:07

Una domanda per tutti: da almeno mezzo secolo sento parlare di evasione fiscale,mafia,Giustizia ingiusta, e chi più ce ne ha ce le metta,tutte problematiche che dovrebbe risolvere lo Stato....non è che è quello che puzza dalla testa? (Vedi casino odierno al CSM)

Ritratto di giancarlo262

giancarlo262

Lun, 24/06/2019 - 11:16

se fosse vera la cifra che c'è scritta attribuita a brunetta riguardo la manovra del governo amato del 1992, (90 mila miliardi di euro) bè, il nostro debito pubblico è una bazzeccola!!!!! forse si trattava di lire....

Jon

Lun, 24/06/2019 - 11:35

Oltre al fatto che non occorre alcuna manovra poiche' siamo ben sotto il 3%,( il Fiscal Compact non e' entrato nei trattati UE), gli Italioti si ritengono evasori, quando le PMI pagano il 70% come nessuno aol Mondo..!! MA IL VERO PROBLEMA SONO LE MULTINAZIONALI che grazie a Junker e la UE non pagano pressoche' NULLA..!! FACCIAMO PAGARE LORO...FINE DELLE MANOVRE FISCALI..!!

Mr Blonde

Lun, 24/06/2019 - 11:53

il recupero dell'evasione fiscale come a forza di condoni? unica versa risorsa sarebbe la patrimoniale oltre ovviamente un certo limite, tassiamo le rendite e sgraviamo i redditi sarebbe anche un modo (indiretto) di recuperare qualcosa di evasione

Antenna54

Lun, 24/06/2019 - 13:43

Tutto quanto promesso dai "ministrioti" è in funzione elettorale. Finchè il paese sarà governato da gente che pensa solo alla poltrona non andremo da nessuna parte. Nel frattempo paghiamo le tasse per soddisfare le recondite promesse elettorali.