Addio a Gustavo Selva

Giornalista e politico, è morto all'età di 88 anni

Si è spento a 88 anni Gustavo Selva. Giornalista e politico, è morto a seguito di una malattia nella casa di Terni, dove viveva da alcuni anni con la seconda moglie. Lascia tre figli (uno era morto nel 2008) e quattro nipoti. Nato a Imola nel 1926, Selva inizia la sua carriera all’Avvenire d’Italia, divenendo giornalista parlamentare negli anni ’50. Entrato in Rai, è prima corrispondente all’estero e poi, dal 1975 al 1981, direttore del giornale Radio2, prima di diventare a metà degli anni ’80 direttore de Il Gazzettino. Inizia la carriera politica come parlamentare europeo per la Democrazia Cristiana. Poi è deputato e senatore per Alleanza Nazionale. Nel 2008 non viene ricandidato dopo che, invitato ad un dibattito televisivo a La7, per evitare di arrivare in ritardo finge di avere un malore e si fa trasportare da un’ambulanza del 118. L’episodio gli costerà una condanna a sei mesi per truffa aggravata ai danni dello Stato. I funerali si terranno a Roma, ma non è ancora stata decisa la data.

Commenti
Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Lun, 16/03/2015 - 18:27

Un simpatico raccomandato che mancherà molto a chi,come me,amava ascoltare il GR2.Buon viaggio Selva.

santecaserio55

Lun, 16/03/2015 - 19:38

Lui non usava le auto blu . ma le ambulanze

santecaserio55

Lun, 16/03/2015 - 19:40

Usava l'ambulanza blu

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mar, 17/03/2015 - 00:51

Una debolezza innocua. Tra i vip e non della politica molto, ma molto di peggio, normale amministrazione approfittare della posizione. Solo che lui l'hanno beccato. A me piaceva molto.

Holmert

Mar, 17/03/2015 - 07:21

Quando sbagliano quelli di destra la magistratura non perdona. Selva poteva benissimo rinunciare a quella riunione, ma pensò di prendere un'ambulanza in quanto quel giorno c'erano casini lungo le vie di Roma e l'ambulanza era l'unico mezzo per poter passare. Fu un'idea che gli costò cara. La canea di sinistra lo sommerse. A pensare che tanti di sinistra con le auto blu ci vanno anche al cesso, ci mandano quelli della scorta a fare la spesa e portano su è giù a scarrozzare mogli e nipoti e persino alla partita di calcio , con la quale entrano allo stadio indisturbati. Tutto normale. La truffa ai danni dello stato l'ha fatta solo Selva. Uomo combattivo, giornalista verace, mai si prestò a piegarsi ai potenti di turno, tanto che il suo GR2 venne definito radio BELVA.

Kamen

Mar, 17/03/2015 - 08:58

Trascorsi momenti piacevoli ascoltandola.Grazie "radio belva".

ghorio

Mar, 17/03/2015 - 10:18

Un bravo giornalista, coerente con le sue idee. Noi italiani, come scriveva Montanelli, non abbiamo la "memoria storica" e allora ci si ricorda della vicenda dell'ambulanza, una scelta sicuramente sbagliata. Poi come giornalista controcorrente Selva non è che abbia avuto spazi nella stampa di quest'area, come spesso avviene, per il vero, a differenza di quello che avviene nell'area opposta dove ci sono spazi ampi , a prescindere dall'età.

santecaserio55

Mar, 17/03/2015 - 10:39

Buffi commenti! A seconda dello schieramento politico uno sbaglia o è un infame

Roberto Casnati

Mar, 17/03/2015 - 12:58

Mi piaceva come giornalista Gustavo Selva e non m'importa nulla se ha fatto qualche "marachella".

giottin

Mar, 17/03/2015 - 14:11

Sicuramente l'ambulanza costa un po' meno dell'elicottero, che qualcuno usa a piacimento anche per andare in vacanza, vero puffo bean?