Ma gli alfaniani si credono ancora decisivi

Dopo gli addii di Costa e Cassano Ap è nel caos. Il leader sparge ottimismo

Roma La Leopolda dei centristi di Alfano ha una cornice anche più suggestiva di quella fiorentina: i Giardini Naxos (Messina); tuttavia non si respira l'entusiasmo e la sicurezza dei renziani di stretta osservanza. Organizzata dalla fondazione Costruiamo il futuro di Maurizio Lupi la tre giorni siciliana ha cercato di arginare gli attacchi mediatici che stanno piovendo addosso su Alternativa popolare per via soprattutto delle ultime uscite. Da Cassano a Costa, passando per il deputato Maurizio Bernardo che ha scelto di confluire nel Pd, è tutto un agitare il campanello d'allarme non soltanto per Angelino Alfano, il già citato Lupi e Beatrice Lorenzin. A preoccuparsene sono persino gli avversari di questo governo, che vedono la sua compagine sempre più instabile, tanto da scorgere all'orizzonte lo spauracchio del voto anticipato.

Insomma da qualsiasi punto la si osservi Alternativa popolare preoccupa. Eppure il ministro degli Esteri tiene la mano ferma sul timone del suo vascello politico. E continua a sostenere che non esiste altro centro. Lo ha confermato anche dalla ribalta di Giardini Naxos, dove ha anche fatto un breve cenno, durante il suo intervento di ieri, alle prossime elezioni amministrative siciliane. «Perché dovremmo accettare candidati esterni che si propongono? - si chiede - Abbiamo un programma molto chiaro che riguarda la Sicilia. Noi presenteremo questo programma ed è su questo che chiederemo le convergenze».

Insomma Alfano ostenta sicurezza. E sulle ultime «fughe» dal partito commenta: «Non deve preoccupare l'emorragia del ceto politico, perché non vuol dire emorragia di voti». E la trappola della legge elettorale, «per il momento disinnescata», resta per Fabrizio Cicchitto un esempio della miopia politica dimostrata nell'ultimo scorcio di legislatura da Renzi. «Ha rischiato di commettere - spiega ai giovani quadri di Ap riuniti a Giardini Naxos - lo stesso errore che fece Achille Occhetto nel '94 quando questi accettò il maggioritario come il naturale segno dei tempi».

L'importante, spiega ai suoi Alfano, è entrare in parlamento dove Ap sarà ancora determinante nella costruzione del prossimo esecutivo. E a questo proposito Maurizio Lupi ostenta ottimismo: «Swg ci attesta intorno al 3/4 per cento».

I moderati, insomma, non sono un'astrazione. Almeno a detta del leader di Ap. I vertici del partito nella trasferta siciliana hanno quindi mostrato un ottimismo imprevisto dai cronisti di cose politiche. E a chi ne chiede conto viene sussurrata soltanto una frase: ius soli. Sarà infatti sulla battaglia per il diritto alla cittadinanza dei figli degli immigrati nati in territorio italiano che si misurerà la stabilità dell'alleanza Alfano-Renzi. Un modo, aggiungono a Giardini Naxos, per dare una fisionomia più netta al polo moderato che si vuole smarcare sia dal Pd che da Forza Italia.

Commenti

leopard73

Dom, 23/07/2017 - 09:16

SI DECISIVI COME LE PEZZE AI PIEDI!.. SONO SOLO DEGLI INCONCLUDENTI CHE SCALDANO SOLO LA POLTRONA PER FINE MESE. TRADITORI INCAPACI.

isaisa

Dom, 23/07/2017 - 09:38

Ma questi vivono in un recinto o si interessano di quello che succede in Italia? Dovrebbero saperlo che per i traditori non c'è futuro !!

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 23/07/2017 - 09:54

Poareti...«Swg ci attesta intorno al 3/4 per cento». Contrordine, lo 0,3/0,4%.

Ritratto di illuso

illuso

Dom, 23/07/2017 - 10:05

Attento Silvio...Dice il saggio: chi ha tradito una volta tradirà ancora, a meno che non faccia come Giuda che dopo aver tradito si è ...

buri

Dom, 23/07/2017 - 10:41

in che mondo vive Angellino?

abocca55

Dom, 23/07/2017 - 10:50

Certo che con politici come alfano abbiamo poche speranze di salvare il Paese. Nel mentre Macron ha convocato i due contendenti della Libia, riuscirà a metterli d'accordo? Difficile. Il Libia comandano i capi tribù, che vogliono il figlio di gheddafi, e senza di loro non ci saranno risultati.

Renee59

Dom, 23/07/2017 - 10:58

Decisivi, certo, a distruggere l'Italia, che è in mano a lupi come voi.

guardiano

Dom, 23/07/2017 - 11:25

Pagherete tutti i danni che avete causato col tradimento del nostro voto

toni175

Dom, 23/07/2017 - 11:47

Nonostante tutto quello che hanno combinato ci sarà sempre qualche italiota che lo vota.

bobots1

Dom, 23/07/2017 - 12:04

Questa è gente che fa passare lo ius soli, contro i loro principi, per salvare le loro poltrone...speriamo che spariscano al più presto.

agosvac

Dom, 23/07/2017 - 12:19

Alfano ed i suoi seguaci hanno tradito Forza Italia per "aiutare" il PD dimenticando che erano stati eletti solo perché facevano parte di Forza Italia. Ora con le prossime elezioni non si vede chi potrebbe votare per loro. Di certo non quelli del PD e di certissimo non quelli di Forza Italia. Saranno dimenticati e faranno la "fine" di "fini".

nonnoaldo

Dom, 23/07/2017 - 12:49

L'importante, spiega ai suoi Alfano, è entrare in parlamento... detto tutto, non occorre aggiungere altro. Scranni e prebende, il resto non conta.

OttavioM.

Dom, 23/07/2017 - 12:58

Se votano lo IUS SOLA, è più probabile che attestano allo 0,2% come il prefisso telefonico di milano.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 23/07/2017 - 13:05

quando hai un idiota che ti guida....

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 23/07/2017 - 13:07

Povero illuso,già da dove proviene non lascia scampo.Lavoratore della terra!!!!!!

umberto nordio

Dom, 23/07/2017 - 13:32

Lasciteglielo credere,appena ci sarà permesso,chissà mai, di votare ,se ne accorgeranno.

Popi46

Dom, 23/07/2017 - 13:46

@Renee59: chieda scusa ai lupi, nobili animali. Questi sono sciacalli o iene,scelga lei

tRHC

Dom, 23/07/2017 - 14:01

Quando sorride alfano/giuda...sembra di vedere un cane bastonato,talmente e' pietoso sapendo di esserlo....ma davvero c'e' qualcuno con lo stomaco così forte da poterlo votare???

Publio Sestio Baculo

Dom, 23/07/2017 - 14:05

Perchè essere crudeli? Alfano non è un genio,figuriamoci i suoi seguaci. Lasciateli godere delle loro illusioni poichè contano come il due di fiori ed ancora per poco tempo prima della grande "Estinzione" che seguirà il voto.