Ambasciatori convocati e nuovi insediamenti Netanyahu non si piega

di Fiamma Nirenstein

Benjamin Netanyahu non ha inghiottito la decisione dell'Onu, e si batte come Callimaco a Maratona: annuncia la costruzione di 618 nuove case a Gerusalemme est, convoca di Natale l'ambasciatore americano, cancella l'incontro con la signora May fissato a Davos, richiama gli ambasciatori in Senegal e in Nuova Zelanda e interrompe i rapporti con Venezuela e Malesia: sono i Paesi che hanno presentato la risoluzione 2334 di condanna di Israele.

L'ambasciatore Ron Dermer, che ne ha le prove, ha spiegato che la risoluzione è stata promossa da Obama stesso. Sono stati ridotti i contatti con Paesi importanti come la Russia e la Cina. Netanyahu ha ragione? Nel Paese ferve lo scontro, naturalmente, anche se tutti sono feriti dal gesto di Obama. Questi infatti ha scelto di colpire dal luogo più nemico, le Nazioni Unite, che solo quest'anno hanno adottato nell'Assemblea Generale 18 risoluzioni contro Israele e 12 nel Consiglio di Sicurezza: più di quelle, insieme, sulla Corea del Nord, la Siria, il Sudan. Netanyahu ha una sua analisi molto definita della situazione, ed è ottimista. Innanzitutto occorre alzare le difese di fronte alla possibilità che nei prossimi giorni gli Usa che fino al 20 gennaio sono sotto Obama, di nuovo promuovano una risoluzione antisraeliana sulla base del prossimo discorso di John Kerry: essa potrebbe imporre col voto le linee della pace statunitense in Medio Oriente. Tutta filopalestinese, naturalmente. Inoltre, si prepara a Parigi un altro agguato dell'Ue con una conferenza cosiddetta «di pace» che ha già consegnato tutte le carte ai palestinesi. Netanyahu pensa che «questo è il canto del cigno della vecchia ideologia antisraeliana». Ritiene che Trump non vorrà cancellare la risoluzione 242 del '67 che parla di «territori» e non di «i territori» conquistati nel '67 come appannaggio dello Stato Palestinese, e che non si sogna di assegnare Gerusalemme est, il Muro del Pianto e altri luoghi basilari per l'identità e la sicurezza ai palestinesi senza trattativa. Dunque, la menzogna della necessaria consegna di tutto quello che è oltre la Linea Verde, viene rifiutata, e chi l'ha accettata, pensa Netanyahu, non fa altro che negare la possibilità di qualsiasi trattativa e quindi della pace. In secondo luogo, Israele vuole gestire questa crisi senza chinare il capo: non si tratta di un rogue state isolato e bisognoso... al contrario può aiutare e aiuta tanti Paesi del mondo. La visione israeliana è quella della conclusione naturale delle colpevoli sciocchezze dettate dal senso comune e dal narcisismo. La scelta di Obama di gettare Israele in pasto all'Onu per quello che riguarda il processo di pace, anche se viene da un leader importante, non ha nessun futuro. Obama ha violato la democrazia e il buon senso ergendosi contro l'evidente parere del popolo americano, che Trump, il vincitore ha espresso affermando che porterà l'ambasciata a Gerusalemme. Gli americani la vedono così, e molti dei Paesi arabi moderati, come l'Egitto, non capiscono come gli americani possano sottovalutare il terrorismo islamico e incoraggiarlo con la risoluzione Onu.

Commenti

ohibò44

Mar, 27/12/2016 - 17:36

Benjamin Netanyahu ha reagito da leader alle decisione dell’ONU, ha preso a schiaffi tutti senza lasciarsi intimidire da nessuno. Gli insediamenti sono senz’altro un punto su cui discutere e non ritengo che egli abbia ragione ma, ripeto, argomento da discutere, argomento su cui trovare degli accordi: non da sentenziare. Comunque, che invidia, come è bello vedere un presidente che parla e agisce in nome del ‘suo’ popolo.